Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Marzo: 2015
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’italiano con i dolci: la cassata siciliana

cassataCome forse alcuni sanno, la cassata siciliana è una deliziosa torta tradizionale siciliana. Impariamo oggi l’italiano con due attività (per studenti di livello B1/B2) che ci spiegano questo famoso piatto.

Attività 1. Inserite nel testo i verbi seguenti:

viene – esistono – tratta – contiene – cosparge – cuoce – possono – può

La cassata siciliana è una torta tradizionale siciliana a base di ricotta zuccherata (tradizionalmente di pecora), pan di Spagna, pasta reale e frutta candita. Nonostante l’apparente semplicità della ricetta, ______________ innumerevoli varianti locali. Specialmente l’aspetto esteriore ______________ variare da una scarna decorazione di glassa e un po’ di scorza d’arancia candita fino a una ricca decorazione con perline colorate e una mezza dozzina di frutti canditi diversi. Sempre secondo le varianti locali, ci _______________ essere ingredienti aggiuntivi, come pistacchio, pinoli, cioccolato, cannella, maraschino o acqua di zagara. Nel palermitano ____________ ancora molto usata la prima versione di questa torta di ricotta, denominata Cassata a forno, priva di canditi e di pasta reale. Si __________ di un involucro di pasta frolla che ______________ all’interno la crema di ricotta di pecora zuccherata e gocce di cioccolato fondente. Si ______________ in forno a 200 gradi per mezz’ora e poi si ______________ di zucchero a velo

Attività 1. Unisci le frasi:

  1. L’origine della parola cassata è incerta: forse deriva dall’arabo qas’at, “bacinella” o …
  2. Le radici della cassata risalgono però …
  3. Gli arabi avevano introdotto a Palermo …
  4. Insieme alla ricotta di pecora, che si produceva in Sicilia da tempi preistorici, erano così riuniti tutti gli ingredienti base della cassata, …
  5. Nel periodo normanno, a Palermo presso il convento della Martorana, fu creata la pasta reale, …
  6. Si passò così dalla cassata al forno …
  7. Gli spagnoli introdussero in Sicilia il cioccolato e il pan di Spagna …
  8. Inizialmente la cassata era un prodotto …
  9. Un documento ufficiale del primo sinodo dei vescovi siciliani nel 1575 …
  10. Un proverbio siciliano recita …

a)  la canna da zucchero, il limone, il cedro, l’arancia amara, il mandarino, la mandorla.

b) della grande tradizione dolciaria delle monache siciliane ed era riservata al periodo pasquale.

c) dal latino caseum, “formaggio”, o dall’inglese glass, “vetro” da cui glassata – classata -cassata.

d) che all’inizio non era che un involucro di pasta frolla farcito di ricotta zuccherata e poi infornato.

e) alla dominazione araba in Sicilia (IX-XI secolo).

f) un impasto di farina di mandorle e zucchero, che, colorato di verde con estratti di erbe, sostituì la pasta frolla come involucro.

g) “Meschino chi non mangia cassata la mattina di Pasqua”.

h) a quella composta a freddo.

i) e aggiunsero infine i canditi.

l) afferma che la cassata è “irrinunciabile durante le festività”.

Testi tratti e adattati da Wikpedia

Articoli correlati

L’italiano con la cucina: la colomba pasquale
L’italiano in cucina: dolci e piatti tipici di Pasqua
Piatti e dolci italiani di Natale e Capodanno
L’italiano con i dolci: il crème caramel (o latte alla portoghese)
La lingua italiana in cucina (4): Pellegrino Artusi
Italiano con la cucina: gli spaghetti aglio, olio e peperoncino
Italiano con la cucina: la video ricetta degli spaghetti alla carbonara

Per assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.