Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Marzo: 2016
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Italiano con la cucina e un video: la catalogna (o cicoria asparago o puntarelle)

puntarelle

Impariamo l’italiano parlando di verdure, in particolare di questo gustosissimo ortaggio non troppo diffuso nelle nostre tavole.

Attività 1. Ricostruite il testo.

a. Il vero nome della catalogna è cicoria asparago
b. per la sua forma che ricorda il turione di asparago. Ve ne sono due tipi:
c. uno più alto, eretto ed amaro, solitamente consumato previa cottura;
d. l’altro più basso e a costa larga, caratterizzato da germogli che si nascondono all’interno del cespo.
e. I germogli, solitamente consumati crudi, spesso con aggiunta di aglio e acciughe sotto sale,
f. sono anche noti come puntarelle e considerati un piatto tipico
g. della cucina romana. La catalogna contiene fosforo, calcio e vitamina A,
h. inoltre ha la proprietà di stimolare le funzioni digestive e diuretiche.

1. ___ 2. ___ 3. ___ 4. ___ 5. ___ 6. ___ 7. ___ 8. ___

Attività 2. Guardate il video della ricetta per preparare le puntarelle e rispondete Vero o Falso alle domande.

1. Le foglie della cicoria catalogna non sono commestibili. Vero/Falso
2. A Manuela non piace come preparano le puntarelle nei programmi televisivi. Vero/Falso
3. L’acqua fredda oltre a togliere l’amaro non fa arricciare le puntarelle. Vero/Falso
4. L’arricciatura è importante per il condimento. Vero/Falso
5. Acciughe e alici sono la stessa cosa. Vero/Falso
6. Manuela non mette l’aglio perché rovina il gusto delle puntarelle. Vero/Falso
7. Non bisogna aggiungere sale al condimento. Vero/Falso
8. Va bene qualsiasi tipo di aceto tranne quello balsamico. Vero/Falso
9. Sarebbe meglio non usare l’olio del barattolo delle acciughe comprate al supermercato. Vero/Falso
10. Senza aglio e acciughe il piatto non è perfetto. Vero/Falso

Attività 3. Adesso ascoltate nuovamente la ricetta e completate il testo con le parole mancanti.

Ciao a tutti da Manuela di SblogTv e oggi vi parlerò di puntarelle, più note come cicoria catalogna. Questa è la pianta come si presenta e adesso andremo a vedere come si preparano.

Bene, iniziamo togliendo tutte le ________ , perché quello che ci interessa a noi è la parte delle puntine proprio per questo si chiamano puntarelle. Le foglie potete poi utilizzarle per fare una torta salata, per fare dei ________ qualcosa così; io probabilmente le darò ai caprioli visto il periodo e visto che gradiscono molto la verdura e… ecco questi sono i mazzetti che vanno separati dalle foglie. Bene adesso che abbiamo separato tutte le foglie in eccesso iniziamo a tagliare i mazzotti qua, i mazzetti. Dice: che ci vuole a condire le puntarelle? Eppure in televisione ho visto tanti programmi dove le rovinavano: chi le ________ , chi le lessa, chi non le fa arricciare. Praticamente dobbiamo procurarci un’________ con dell’acqua bella fredda, dev’essere proprio fredda e dobbiamo praticamente sfilettare le puntarelle in questo modo. È un lavoro un po’ certosino però se non fai così le puntarelle non vengono bene.

Ecco qua le puntarelle adesso sono pronte. Se vi state chiedendo perché vanno tenute a ________ nell’acqua fredda è presto detto: perché l’acqua fredda intanto toglie un po’ quel ________ amarognolo che ha di suo la pianta e poi se notate le prime che ho iniziato a tagliare hanno cominciato a prendere questa forma arricciata. Dopo un paio d’ore sicuramente saranno tutte belle arricciate e questo aiuterà a trattenere tutto il ________ che adesso andiamo a vedere come si prepara.

Avremo bisogno di acciughe sott’olio, ________ e a chi piace andrebbe messo anche dell’aglio a crudo. Io l’aglio crudo non lo sopporto, per cui non lo metterò. Queste alici non le ho comprate ovviamente al supermercato, queste qua le ha preparate mia mamma che le ha comprate ________ al mercato di Gaeta, poi le ha pulite, le ha messe sotto sale, le ha fatte stagionare, poi le ha messe sott’olio. Olio rigorosamente d’oliva. Prendiamo un bel po’ di alici abbastanza generose. Ovviamente essendo le alici già ________ non andremo poi a mettere altro sale. Diamo un po’ una tagliata grossolanamente e metto un po’ di aceto: questo è aceto di vino bianco, se preferite quello ________ è uguale. Vi sconsiglio quello balsamico perché essendo più dolciastro non fa macerare per bene le acciughe che restando così nell’aceto creeranno proprio un bel ________ nel frattempo che le puntarelle stanno a bagno e diventano ricce.

Sono trascorse circa due ore e mezzo e come vedete le puntarelle si sono arricciate: il segreto è di farle molto ________ perché questo faciliterà ancora di più l’arricciatura. Prendiamo il nostro condimento e le versiamo dentro. Non aggiungerò altro olio perché le alici erano già sott’olio, olio ________ extravergine d’oliva quindi quello era più che sufficiente. Se comprate quelle in barattolo sicuramente non hanno olio d’oliva quindi io vi consiglio di scolarle bene e condirle poi con olio d’oliva. Aggiungerò una ________ di pepe macinato. Le girerò con le mani in questo modo sicuramente verranno condite bene. Ovviamente le avevo lavate eh!

Sì, forse era il caso di prendere un’insalatiera più grande insomma poi vi regolerete di conseguenza: io ho fatto male i conti. I ________ possono condirle anche come un’insalata normale con olio e aceto però la morte sua è con le alici e l’aglio schiacciato. Ovviamente stasera non mangeremo solo puntarelle ma ho preparato anche dei gronchi ________ dorati: i gronchi sono praticamente i cugini delle anguille. Li ho fatti fritti dorati semplicemente tagliati a pezzi e passati alla ________ e fritti in olio extravergine d’oliva: questi qua provengono direttamente dal golfo di Gaeta, non me li ha ________ mia madre per posta come le puntarelle ma li ho trasportati io durante uno dei viaggi in visita ai miei genitori, li ho messi in un frigorifero di quelli da campeggio ________, me li son caricati sulla schiena e me li sono portati così ho la possibilità di mangiare pesce nostrano fresco e ben conservato.

Se questa ricetta vi è piaciuta mettete mi piace, lasciate un commento e iscrivetevi al canale. Ciao e al prossimo video.

Articoli correlati

L’italiano con la cucina:
5 attività con il cappero
La cassata siciliana
Il menù del ristorante
La storia della parmigiana
Il buongustare – Corso di enogastronomia d’Italia della Loescher: la recensione

Adgblog è il blog ufficiale dell’Accademia del Giglio, scuola di lingua, arte e cultura a Firenze.

Social networks

Seguiteci anche su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquareG+ e Instagram.

 

4 comments to Italiano con la cucina e un video: la catalogna (o cicoria asparago o puntarelle)

  • Susanne

    Attività 3:

    foglie – ravioli – cuoce? – insalatiera – bagno – gusto – condimento – aceto – fresche – salate – rosso – fine – casereccia? – grattatina – ? – fritti – farina – spediti – portateli?

    ???

  • Roberto Balò

    Ecco le parole corrette:
    foglie – ravioli – cuoce – insalatiera – bagno – RETROgusto – condimento – aceto – fresche – salate – rosso – SUGHETTO – fine/I – caserecciO – grattatina – VEGETARIANE – fritti – farina – spediti – portatIli

  • Susanne

    grazie mille!

    bei sughetto war ich wohl in der Zeile verrutscht und hatte sughetto übersehen (hatte ich auch)… warum vegetarianE und nicht vegetarianI? perché la frase cominicia con I…

  • Roberto Balò

    Scusa, non ho capito.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.