Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Ottobre: 2009
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Ricetta per l’autunno: il risotto di zucca

risotto di zuccaÈ  il tempo delle zucche, quei bellissimi e grandi ortaggi arancioni che si utilizzano non solo come decorazioni sforacchiate per Halloween, ma come ingredienti per piatti nutrienti, sani e colorati. Un modo molto semplice, che ho imparato da mia zia a Boston, è quello di far lessare tranci di zucca al vapore e di condirli poi, ancora caldissimi, con sale, noci di burro e/o abbondante panna acida. Visto che la panna acida adesso si trova nel reparto latticini di qualsiasi supermercato e costa veramente poco, non ci sono scusanti per non provare una ricetta così semplice e buona. Nello stesso modo si possono preparare le patate.

Passiamo, però, all’argomento principale che dà il titolo al nostro post, cioè il risotto di zucca: fate un soffritto con olio, aglio, cipolla, due pomodorini rossi,  un pizzico di prezzemolo e di peperoncino; aggiungete la zucca (circa mezzo chilo) tagliata a cubetti  e fate insaporire; bagnate con due ramaioli di brodo vegetale e lasciate che la zucca si ammorbidisca a fuoco lentissimo, per un’ora, a pentola coperta, nescolando di tanto in tanto. Quando sarà diventata cremosa, aggiungete un bicchiere di vino bianco e versate mezzo chilo di riso. A fiamma alta, portate il riso a cottura, aggiungendo quando occorre altro brodo. Se lo desiderate, potete mantecare con un po’ di burro nel finale  e/o anche aggiungere pezzetti di pancetta nel soffritto. Ciliegina sulla torta? Una bella spolverata di Parmigiano Reggiano o Grana Padano. Buon appetito e alla prossima!

4 comments to Ricetta per l’autunno: il risotto di zucca

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.