Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Castagne e marroni: è tempo di mangiarli dolci!

Il castagnaccio non mi piace, ma questo non significa che io trovi cattivi tutti i dolci fatti con i frutti del castagno; diciamo, anzi, che preparazioni da grandi chef, come il Mont Blanc o i marrons glacés, sono autentiche opere di poesia per la sottoscritta. Oggi, dunque, voglio rallegrare gli spiriti rattristati dalla pioggia autunnale, con un dolcetto semplice semplice e buonissimo: il Rotolo di marroni.

Ingredienti: 800 grammi di marroni; 125 grammi di zucchero; 125 grammi di burro; 125 grammi di cioccolato fondente; poca marmellata di albicocche per lucidare. Per finire, 100 grammi di mandorle tostate e tritate.

Preparazione: sbucciate i marroni e fateli lessare in acqua leggermente salata, quindi schiacciateli con il passaverdure (ho letto che aggiungendo un cucchiaio di olio di oliva all’acqua di bollitura sarà molto più facile togliere la pellicina). Aggiungete lo zucchero, il cioccolato preventivamente sciolto, il burro fuso a bagnomaria e mescolate bene in modo che il tutto si amalgami alla perfezione. Lasciate raffreddare e poi con le mani formate un cilindro che avvolgerete nella carta oleata. Ponete in frigo per una notte. Servitelo dopo avere tagliato obliquamente le estremità, lucidato con la marmellata di albicocche sciolta in acqua e cosparso di mandorle.

Una variante: dividete in due parti l’impasto dei marroni, a cui avrete aggiunto un bicchierino di rum (o altro liquore a vostra scelta) e solo ad una aggiungete del cacao amaro in polvere. Poi stendete per prima la parte con il cacao su un canovaccio inumidito e sopra ad essa la parte bianca; aiutandovi con il canovaccio arrotolate il tutto a formare un cilindro. Come nella precedente ricetta, avvolgete il dolce nella carta oleata e ponetelo in frigo per una notte. Non trovo necessario lucidare con la marmellata di albicocche o cospargere di mandorle, ma se vi piace… Al momento del taglio, vedrete come le fette risulteranno bicolori. Sulla bontà, niente da dire.

_________________

Articoli correlati

Si parla di castagne con Aldo, Giovanni & Giacomo (video)
Civiltà del castagno
Un dolce per l’autunno: il castagnaccio

Accademia del Giglio
Lingua italiana, arte e cultura a Firenze
Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.