Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Ottobre: 2013
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Italiano con i video e un esercizio di comprensione: si parla di castagne. Con Aldo, Giovanni & Giacomo

castagneSon dura, tondetta,
colore caffè,
sto chiusa in un riccio,
ma non per capriccio,
mi trovo in montagna,
mi chiamo…

come mi chiamo?

“(…) Sono le castagne il maggiore e più importante prodotto che la natura e l’arte somministrano agli abitatori del Monte Amiata. Tenere o mature, fresche o secche, crude o cotte, ridotte in farina ed impastate poi in nicci, in castagnacci, in frittelle ed in polenta, danno esse sempre un alimento sano, che piace al gusto e che lo stomaco volentieri abbraccia, e facilmente digerisce. Ma la polenta specialmente è il cibo favorito ed economico del popolo, ed è essa tanto nutriente, che le persone additte ai lavori più duri di sega, di accetta e di marra, non di altro càmpano, che di polenta e di acqua, o, come scherzosamente quassù dicono, di pan di legno e vin di nùvoli. (…) ” (Giorgio Santi, Viaggio al Monte Amiata, 1795)
In questo brano avete trovato alcune parole difficili? Eccovi un piccolo aiuto:
I nicci, altrimenti detti necci, sono una specie di piadina, preparata con la farina di castagne cotta nel forno a legna su appositi ferri piatti e rotondi, tipica della montagna pistoiese e amiatina.
I castagnacci sono dolci di basso spessore, anch’essi preparati con farina di castagne e sostanzialmente l’aggiunta di zucchero, pinoli e olio di oliva.
La polenta a cui si fa riferimento nel testo è preparata ovviamente con la farina di castagne seguendo lo stesso procedimento della polenta di mais.
Additte qui sta per addette.
Sega, accetta e marra sono tre strumenti da lavoro: la sega e l’accetta per tagliare il legno, la marra per lavorare il terreno.

Rieccoci qui a parlare di castagne. In fondo, sono il frutto che meglio identifica l’autunno con i colori tipici della stagione. Dal momento, però, che sul web si sprecano gli articoli che hanno come oggetto questo saporito prodotto della natura (specialmente ricette), abbiamo pensato di usarlo come scusa per farvi vedere questo video del trio comico di Aldo, Giovanni & Giacomo contenente un estratto dallo spettacolo Tel chi el telùn e intitolato, per l’appunto, Castagne. La scena inizia con i nostri tre eroi in automobile di ritorno da una giornata passata a raccogliere castagne. Guardate il video, divertitevi e rispondete alle seguenti domande di comprensione:
1. Che tipo di freni ha l’automobile?
2. Chi era il proprietario dell’automobile, prima che questa passasse a Giacomo?
3. Il cambio dell’automobile non può ingranare alcune marce: quante e quali sono?
4. Per rianimare Aldo, inizialmente Giacomo gli pone quattro domande: quali?
5. Che lavoro ha fatto Giacomo in precedenza e par quanto tempo?
6. Al momento di tornare all’automobile, di che cosa ha paura Aldo?
7. Come finisce il video, cioè qual è l’amara sorpresa che attende i tre amici?

Articoli correlati
Civiltà del castagno
Un dolce per l’autunno: il castagnaccio

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.