Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Settembre: 2014
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Italiano con la storia dell’arte: il Giardino Bardini di Firenze

Volete imparare la storia dell’arte e allo stesso tempo migliorare il vostro italiano? Provate a svolgere gli esercizi proposti in questa attività didattica sul Giardino Bardini di Firenze, un giardino storico della zona di Oltrarno che si estende dalle pendici di piazzale Michelangelo fino all’Arnom per una superficie totale di circa 4 ettari.

collagegiardinobardini500

Attività 1. La storia del giardino. Rimettete in ordine il testo.

a. Nel 1913 il complesso del palazzo Mozzi, della villa Manadora, del giardino barocco e all’inglese, oltre a alcuni terreni agricoli, vengono acquistati dall’antiquario Stefano Bardini, il quale diede il via a una serie di grandi rinnovi e modifiche.

b. Con l’estinzione della famiglia Mozzi, nel 1880 i principi Carolath von Beuthen acquistarono la proprietà, arricchendo il giardini di alcuni dettagli secondo la moda vittoriana.

c. Dopo vari cambiamenti di proprietà avvenuti nel corso dei secoli, il parco nell’800 venne trasformato in un giardino all’inglese, con boschi, vialetti tortuosi, statue e fontane. Risalgono a questo periodo la Kaffeehaus con grotta ancora esistente.

d. L’area dove oggi si trova il Giardino Bardini, apparteneva sin dal medioevo alla famiglia dei Mozzi e confinava con il loro palazzo: in una prima parte si trovava già dal 1259 un orto, mentre la zona più alta del parco era destinata all’agricoltura, con vigne e altre coltivazioni.

e. Durato quasi cinque anni, con la reintroduzione di alberi da frutto, piante e altri ornamenti, il restauro, che ha visto la cura anche delle statue e degli edifici, ha permesso la recente riapertura del parco.

f. Alla morte di Stefano, iniziò un lungo iter burocratico sull’eredità, conclusosi solo nel 1996 e la proprietà passò alla città di Firenze.

g. Gravemente danneggiato da decenni di abbandono, il giardino fu restaurato a fondo a partire dal 2000.

1. _d_ 2. __ 3. __ 4. __ 5. __ 6. __ 7. __

Attività 2. Scegliete la preposizione corretta tra quelle proposte.

La parte più scenografica del giardino è la grande scalinata barocca che termina da/con un piccolo edificio-belvedere, dal quale/per cui si gode una spettacolare vista sulla città. Nelle vicinanze ci sono sei fontane decorate da mosaici. Numerose sono le rose e gli iris piantati, oltre delle/alle ortensie e altre piante decorative. Nella parte più bassa si trova un teatro ricavato nella vegetazione in una concavità del terreno.

Il giardino possiede due grotte: una semplice vicino alla/della Kaffeehaus, simile ad/di una grotta naturale,  sorella della Kaffeehaus del giardino di Boboli; una più decorata dall’aspetto eclettico, sormontata all’ingresso da un arco in mattoni. Fanno parte della/con la decorazione inoltre un tempietto e varie fontane.

Nel/Sul giardino resta una parte della statuaria collocata da Bardini, sebbene in maniera frammentaria e incompleta a causa di spoliazioni che hanno disperso una fetta del patrimonio dall’/dell’antiquario.

I testi sono stati tratti e adattati da Wikipedia.

Orari e visite al giardino.

Articoli correlati

Italiano con la storia dell’arte:

– Il Museo Bardini, la Galleria d’Arte Moderna, il Museo del Bargello, la Galleria dell’Accademia e Palazzo Davanzati.
– Il lessico di base della storia dell’arte e 32 esercizi e comprensioni per studenti stranieri

All’Accademia del Giglio è possibile frequentare, corsi di storia dell’arte, workshop intensivi di tecniche pittoriche classiche, workshop di scultura, lezioni di cucina e corsi di lingua italiana per stranieri a Firenze.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

2 comments to Italiano con la storia dell’arte: il Giardino Bardini di Firenze

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.