Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Italiano con le canzoni: “Vorrei” di Francesco Guccini, l’infinito con le preposizioni, il condizionale, il congiuntivo e un po’ di lessico

appenniniQuesto vuole essere il seguito del precedente post dedicato all’uso del modo infinito, integrandolo con un altro esercizio, oltre a farvi lavorare sul condizionale e il congiuntivo, vista l’ispirazione fornita dal titolo della canzone. Ah, c’è anche un esercizio di lessico, tanto per non farci mancare nulla…
Cominciate con l’ascoltare qui questa canzone di Francesco Guccini e completatela delle parole mancanti.

VORREI

Vorrei conoscer l’odore del tuo paese,
camminare di casa nel tuo giardino,
respirare nell’ aria sale e maggese,
gli aromi della tua salvia e del ________.
Vorrei che tutti gli ________ mi salutassero
parlando con me del tempo e dei giorni andati,
vorrei che gli amici tuoi tutti mi parlassero,
come se amici fossimo sempre stati.
Vorrei incontrare le _______, le strade, gli usci
e i ciuffi di parietaria attaccati ai muri,
le ______ delle lumache nei loro gusci,
capire tutti gli sguardi dietro agli scuri

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…

Vorrei con te da solo sempre ________,
scoprire quello che intorno c’è da scoprire
per raccontarti e poi farmi raccontare
il senso d’ un rabbuiarsi o del tuo gioire;
vorrei tornare nei posti dove son stato,
spiegarti di quanto tutto sia poi ________
e per farmi da te spiegare cos’è cambiato
e quale sapore nuovo abbia l’ universo.
Vedere di nuovo ________o ________
o il mare di una remota spiaggia cubana
o un greppe dell’ Appennino dove risuona
fra gli alberi un’ usata e ________ tramontana

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…

Vorrei restare per sempre in un posto solo
per ascoltare il suono del tuo parlare
e guardare stupito il _______, la grazia e il volo
impliciti dentro al semplice tuo camminare
e restare in silenzio al suono della tua voce
o parlare, parlare, parlare, parlarmi ________
dimenticando il tempo troppo veloce
o nascondere in due sciocchezze che son commosso.
Vorrei cantare il canto delle tue mani,
giocare con te un eterno _______ proibito
che l’oggi restasse oggi senza domani
o domani potesse tendere all’ infinito

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…

PRIMO ESERCIZIO: continuiamo con l’infinito e le preposizioni:
1. In queste elezioni, il partito continua ___ puntare sul candidato meno popolare: è una strategia suicida!
2. Ieri, in Amministrazione, si sono riuniti ___ decidere i nuovi piani d’investimento.
3. Smetti ___ pestare i piedi! Non otterrai niente continuando ___ protestare così stupidamente!
4. Mentre il pastore conduceva il gregge ___ pascolare, si è scatenato un temporale che l’ha costretto ___ riportare gli animali all’ovile.
5. Ho visto in vetrina un paio di ballerine che non mancherò ___ comprarmi alla prima occasione.
6. Come si fa ___ dimenticarsi ___ compilare e presentare la dichiarazione annuale dei redditi?
7. Ti sei visto allo specchio? Da quando in qua hai cominciato ___ mettere su chili che poi diventeranno molto difficili ___ smaltire?
8. Ti hanno mai chiesto ___ fare qualcosa contrario ai tuoi principi morali?
9. Anna ha deciso ___ cambiare tutto l’arredamento di casa, ___ cominciare dalla sala da pranzo.
10. Ho comprato una piccola automobile da città, un’utilitaria, ___ vedere se almeno con questa mi riesce ___ fare un parcheggio decente. Sono stanco ___ farmi ridere dietro da tutti!

N.B.: Come avete potuto osservare, e come dovreste già sapere, la forma al condizionale dei verbi esprimenti desiderio e volontà attrae il congiuntivo, imperfetto o trapassato; lo stesso dicasi per la locuzione come se (e anche quasi che). A nostro parere, la costruzione di una frase con questi modi e con questi tempi è piuttosto meccanica, trattandosi di usare il congiuntivo imperfetto qualora l’azione dipendente sia contemporanea alla principale, e il trapassato qualora l’azione dipendente sia anteriore alla principale (a condizione naturalmente che i soggetti delle due frasi siano differenti, altrimenti abbiamo l’infinito). Che ne direste di mettervi alla prova? Fate, allora, il seguente SECONDO ESERCIZIO scegliendo tra i verbi suggeriti quelli adatti alla logica della frase e coniugandoli al tempo giusto:
andarsene; comprare; esserci; marcire; essere; intestare; laurearsi; convolare; fare; vincere
1. Luca vorrebbe tanto che il nonno gli ___________ le sue proprietà prima di lasciare questa valle di lacrime!
2. Mi piacerebbe che la cioccolata non ___________ mettere su tanti chili!
3. Tutti noi, delle rispettive famiglie, desidereremmo che i due fidanzatini ___________ a nozze presto.
4. Non vorresti che anche Giovanni ____________ il biglietto per il concerto? Adesso avresti qualcuno con cui andarci.
5. A molti, in Parlamento, non sarebbe piaciuto che ___________ la coalizione avversaria e avrebbero fatto di tutto per impedirlo, anche bloccare i lavori.
6. Si dà tantissime arie, come se __________ il re di non si sa che!
7. Parla della Cina quasi che __________ chissà quante volte e invece non si è mai mosso da Prato…
8. Avrebbe tanto desiderato che il figlio prediletto ___________ in Medicina, come aveva fatto lui, invece che in Veterinaria; adesso si è rassegnato a vedere lo Studio pieni di pazienti animali al posto degli umani!
9. È mai possibile che questo stramaledetto raffreddore non mi passi? Come vorrei che ___________ via il prima possibile, più veloce della luce!
10. Preferirei che i fiori freschi non ____________ in pochi giorni, ma so che è un desiderio impossibile.

Infine, il TERZO ESERCIZIO: un po’ di lessico. Scegliete, tra i tre proposti, il significato corretto delle parole che avete trovato in rosso nel testo della canzone.
maggese: canto primaverile; campo lasciato a riposo; profumo di fiori a maggio
salvia: pianta officinale; profumo di fresco; saggezza
usci: porte; vie laterali di uscita; animali da cortile
ciuffi: uccelli canori; pampini; ciocche
scuri: occhi neri; imposte; ciglia
rabbuiarsi: incupirsi; farsi notte; ferirsi
remota: assolata; lontana; rammentata con nostalgia
greppe: gregge; pascolo; fianco di monte
tramontana: vento freddo dal nord; musica medievale; campana
sciocchezze: assurdità; sentenze: attimi

Articoli correlati
Tutti quelli che cominciano con le parole “Italiano con le canzoni”
Italiano con la grammatica: il congiuntivo e le regole di buona convivenza
Tutta la grammatica italiana in AdGblog

Per assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com
Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.