Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Gennaio: 2013
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Il lampredotto questo sconosciuto (fuori Firenze)

Panino con il lampredotto

Panino con il lampredotto

Passeggiando per Firenze, sia in centro che in periferia, si notano in diversi angoli della città, in piazze, strade e mercati, dei banchini dove si cucina una tipica specialità fiorentina: il lampredotto. In questi mini-ristoranti all’aperto chiamati “lampredottai” (ma anche “trippai”), con uno o due tavoli davanti (ma spesso anche niente), si prepara principalmente questo piatto insieme a pochi altri, come trippa, budelline o bollito.

Molti stranieri, ma anche italiani non-toscani (fanno eccezione gli orientali, noti buongustai), si chiedono cosa sia mai questo lampredotto di cui qualsiasi fiorentino va pazzo e di solito se ne stanno ben alla larga, visto che l’aspetto non è forse dei più invitanti.

Il lampredotto è uno dei quattro stomaci dei bovini, l’abomaso. Il suo nome pare che derivi dalla lampreda, un tipo di anguilla che una volta si trovava in abbondanza nel fiume Arno e che, una volta cucinata, assomiglia appunto al lampredotto. Il suo sapore non è forte come si sarebbe portati a pensare, ma è piuttosto delicato e a quanto ci risulta è anche una carne con pochissimi grassi e molto digeribile.

Come si cucina. Il lampredotto viene solitamente acquistato, anche dai lampredottai, già pulito, dopodiché viene ancora cotto a lungo, per circa un’ora, in acqua e odori: pomodoro, cipolla, prezzemolo e sedano. A questo punto il lampredotto è pronto:  il modo più classsico per mangiarlo è tagliato a pezzetti e messo in un panino la cui parte superiore viene solitamente inzuppata nel brodo del lampredotto, si aggiungono sale, pepe e salsa verde, e se proprio si vuole anche del peperoncino. Il panino si accompagna con un bicchiere di vino Chianti giovane, anche se molto spesso ci si beve del Lambrusco (un vino emiliano frizzante e leggero).

Se fate un giro su internet troverete decine di articoli sull’argomento e consigli su dove viene preparato il migliore lampredotto. Una buona ricetta la trovate su questo blog, mentre nel seguente video potete vedere come viene preparato un panino (e sentirete anche parlare un po’ di fiorentino!).

[youtube]http://youtu.be/kMo8S8x9X7s[/youtube]

Articoli correlati

Cucina tradizionale: la trippa alla fiorentina e l’insalata di trippa.
La lingua italiana in cucina (3): la storia della cucina
22 ricette di AdGblog più o meno facili da preparare

Per assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.