Adgblog



« | »

Cucina tradizionale: trippa alla fiorentina

Questa è per palati “raffinati”. Per prima cosa bisogna procurarsi la croce o la cuffia di quella bellissima trippa bianca e morbida che i trippai di Firenze vendono già cotta (tant’è vero che si può già mangiarla così com’è, in insalata). La quantità ovviamente varia, ma per 4 persone ne occorrerebbe circa un chilo.

Si comincia lavando la trippa e tagliandola a strisce non troppo sottili (1cm circa). Si fa poi un soffritto abbondante di cipolla; quando questa è appassita si mette la trippa ad insaporire per una decina di minuti o poco più. Aggiungiamo a questo punto 500 grammi di pomodori maturi, saliamo, pepiamo e facciamo cuocere coperto per almeno mezz’ora, lasciando che la salsa si ritiri un po’ e controllando che la trippa non si attacchi al fondo della casseruola.

Come finale, cospargiamo di parmigiano reggiano grattugiato, diamo un’ultima mescolata, facciamo riposare e serviamo in scodella con altro parmigiano. Si mangia accompagnata dal pane toscano!

Articoli correlati

L’italiano con la cucina fiorentina

La bistecca

Ricette

La ribollita
La schiacciata con l’uva

Letture

L’origine del gelato: tutta colpa di un fiorentino
La ribollita con il cavolo nero
Il lampredotto questo sconosciuto (fuori Firenze)

Per soluzioni e assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

Posted by on 22 Novembre 2008.

Categories: cucina, Firenze

3 Responses

  1. Favolosa

    by Adriano Grassi on Ott 22, 2010 at 17:56

  2. Graziee bellissimo utilissimo
    Insegno italiano all’ estero e sono sempre alla ricerca di nuove idee.
    A settembre faro’ finalmente un corso sulla cultura ed un altro sulla cucina , sono convinta he trovero’ molti spunti

    by giusy falchi on Giu 14, 2015 at 01:46

  3. Grazie Giusy, facci sapere come vanno i tuoi corsi.

    by roberto balò on Giu 14, 2015 at 10:38

Leave a Reply

« | »




Articoli recenti


Pagine



Ti piace questo post?

Aiutaci a continuare il nostro lavoro in modo gratuito offrendoci un caffè!