logo adgblog

Iscriviti alla newsletter

Categorie

Archivi

Ottobre: 2009
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Le mamme del mondo – Esercizio di scrittura

no-mamma-noNei giorni scorsi, in classe, abbiamo lavorato sul cortometraggio “No, mamma no” di Cecilia Calvi (Cinema italiano – Cortometraggi d’autore con sottotitoli, a cura di Ciro Massimo Naddeo e Alessandro De Giuli, Alma Edizioni, Firenze, 2009). A conclusione delle varie attività, e dopo il test su come riconoscere un vero mammone, come lavoro a casa, ho dato agli studenti una traccia su cui riflettere: “Come sono le mamme del vostro paese? Com’è il rapporto con i figli? Conoscete qualche mamma particolare?”

Katsura, studentessa giapponese ha scritto il seguente testo che qui pubblichiamo con qualche lieve correzione.

Penso che le mamme giapponesi considerino i loro comportamenti con gli altri, quindi loro considerano anche i comportamenti dei loro figli. Perché se i loro figli si comportano male con gli altri questa cosa significa che la loro educazione è cattiva.
Quando ero piccola, mia madre mi diceva sempre: “Quando tu vai a casa delle tue amiche, saluta le loro famiglie! Comportati bene! Non essere importuna!”. I giapponesi, soprattutto le donne di età più grande, contano molto sull’onore.
Ma, in verità, le mamme giapponesi amano tanto i loro figli. Qualche volta le mamme trattano i loro figli con severità ma di solito le mamme li trattano con affetto. Qundi, se qualcuno li loda, loro sono felici, ma generalmente i giapponesi non vogliono mostrare tanto i loro sentimenti, quindi se qualcuno loda i figli, le mamme negano la lode, ma dopo le mamme affermano la lode, e poi cominciano a lodare i loro figli per lungo tempo.

1 comment to Le mamme del mondo – Esercizio di scrittura

  • Sabrine

    Le mamme svizzere educano i loro figli in modo molto indipendente. Non gli fanno da madre. In genere i figli svizzeri non diventano viziati dalle loro mamme.
    Quello si vede in tante cose. Normalmente devono aiutare a casa. Devono fare ordine, pulire la casa, fare la spesa e qulche volta anche cucinare.
    Penso che è un po’ diverso quando la mamma non lavora. Però la vita in Svizzera è cara e tutte le mamme che conosco io hanno cominciato a lavorare appena i figli sono andati a scuola.
    Tanti devono anche pagare una parte di affitto.
    In media i figli lasciano la casa all’età di venti anni.
    Principalmente le mamme sono contente di avere più sfera privata.

    Sabrine

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.