Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Italiano con la cucina: la video-ricetta del castagnaccio

la ricetta del castagnaccio

Migliorate la vostra conoscenza dell’italiano con questa video-ricetta di un dolce tradizionale italiano.

Attività 1. Rimettete in ordine l’introduzione alla ricetta, poi controllate guardando e ascoltando il video fino al minuto 0:20.

a. è conosciuto con nomi diversi, più alto, più basso,
b. custodisce la propria versione quindi
c. È un dolce povero e antico che si prepara con farina di castagne,
d. ecco a te la nostra: castagnaccio alla toscana. Cominciamo!
e. acqua e poco altro. È diffuso in tante zone d’Italia
f. con scorza d’arancia, con uvette, con rosmarino. Ogni famiglia

1. _c_ 2. ___ 3. ___ 4. ___ 5. ___ 6. ___

Attività 2. Leggi gli ingredienti e individuali nell’immagine del post.

INGREDIENTI

Farina di castagne 500 g
Acqua 650 g
Pinoli 100 g
Rosmarino 1 rametto
Uvetta 80 g
Gherigli di noci 100 g
Olio extravergine d’oliva 40 g
Sale fino 5 g

Attività 3. Nel testo della ricetta mancano le seguenti parole:

aghetti
artigianale
ciotola
crepata
scorza
sodo
superficie
teglia
tiepido
tritato

Non importa se non sai il significato di queste parole, guarda il video e prova a inserirle nel testo: le immagini ti aiuteranno a comprenderne il significato.

Per prima cosa setaccio la farina di castagne in questa __________ . E aggiungo l’acqua a filo e cominciando subito a mescolare. La ricetta base del castagnaccio era in origine proprio questa solo farina di castagne e acqua, nient’altro. Non è necessario nemmeno aggiungere zucchero soprattutto se usi una buona farina di castagne __________ , naturalmente dolcissima. Poi nell’evoluzione della ricetta si sono aggiunti altri ingredienti che possono variare a seconda della zona o della tradizione famigliare; nella nostra mettiamo i pinoli tenendone un pochino da parte per __________ la del castagnaccio. Poi noci che ho già grossolanamente __________ , anche qui ne tengo un po’ da parte per la superficie.
In molte versioni le noci non compaiono al loro posto ci ho messo la __________ d’arancia.
Ora unisco l’uvetta reidratata e scolata, sempre conservando qualcosina. Infine il sale. Bene l’impasto è pronto posso trasferirlo nella __________ da 32 cm che ho già unto di olio extra vergine. Vado ad aggiungere gli ingredienti che avevo tenuto da parte quindi le noci, i pinoli e l’uvetta.
E ora un tocco davvero irrinunciabile __________ di rosmarino: vuole la leggenda popolare che rendano il castagnaccio un potente filtro d’amore, che preparandolo per l’innamorato la ragazza diventerà presto sua sposa.
Ora un filo d’olio e ora il castagnaccio è pronto per il forno: cuocerà a 195 gradi per circa 35 minuti.
Eccolo qui il castagnaccio in tutto il suo splendore, con la tipica superficie __________ e il cuore morbido che una volta raffreddato diventa __________ e compatto. Esistono un sacco di modi per gustarlo, ma a me piace farlo così: e con una cucchiaiata di ricotta fresca. Bon appetit!

Articoli correlati

Un dolce per l’autunno: il castagnaccio
Italiano con la frutta: le castagne
Si parla di castagne con Aldo, Giovanni & Giacomo (video)
Castagne e marroni: è tempo di mangiarli dolci!

Adgblog è il blog ufficiale dell’Accademia del Giglio, scuola di lingua, arte e cultura a Firenze.

Social

Seguiteci anche su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquare e Instagram.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.