Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Marzo: 2016
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Grammatica e Santi: i modi impliciti con la vita di San Benedetto da Norcia

Beato Angelico-Crocifissione con i Santi 1441-1442 San Benedetto da Norcia è il sesto Santo da destra

Beato Angelico-Crocifissione con i Santi (1441-1442). San Benedetto da Norcia è il sesto Santo da destra

Oggi è il 21 marzo. Se cerchiamo sui vari calendari il nome del Santo del giorno, vediamo che molti, ma non tutti, riportano San Benedetto da Norcia. Nel nostro immaginario, comunque, San Benedetto è il Santo del primo giorno di primavera, tant’è che siamo soliti dire “per San Benedetto, la rondine sotto il tetto”, ricordando anche questi graziosi e tenaci uccellini messaggeri della fine dell’inverno.

Se vi andasse di conoscere qualcosa di più della vita di questo Santo, nel novero di quelli tra i più significativi ed influenti, potete leggere il brano che segue, tratto come al solito dal libro Le vite dei Santi per tutti i giorni dell’anno, a cura del Sacerdote Giocondo Storni. Mentre leggete la vicenda terrena di San Benedetto, potete fare gli esercizi indicati.

Esercizio 1. Coniugate i verbi tra parentesi ai modi impliciti del gerundio o del participio passato, secondo la logica del discorso.

San Benedetto da Norcia - particolare della Crocefissione del Beato Angelico

San Benedetto da Norcia – particolare della Crocifissione del Beato Angelico

San Benedetto da Norcia, Patriarca †543

San Benedetto è il patriarca dei monaci d’occidente. Nacque a Norcia, nell’Umbria, l’anno 480, ed i genitori lo condussero da giovinetto in Roma a fare i suoi studi. Il giovine conobbe i pericoli che correva la sua innocenza tra quella sbrigliata scolaresca; risolse d’abbandonare il mondo, e il Signore lo condusse nella solitudine di Subiaco, dove visse nella penitenza e nelle asprezze, fino a che un monaco di nome Romano gli fornì un abito da eremita. Benedetto, benché tutto dedito a domare il suo corpo, venne a più riprese assalito da tentazioni, ma le vinse colla preghiera e e con raddoppiate asprezze, (avvolgersi) __________ perfin tra le spine. I monaci di una comunità vennero a lui, e (conoscere) _________ di quali virtù fosse dotato, lo indussero ad andare seco loro. Andò Benedetto, ma appena vide quella comunità male unita e che viveva una vita rilassata, pensò di dettare loro una regola e stabilirvi la disciplina. L’anima grande di Benedetto meditò e pregò. Indi stabilì alcuni punti di regola e diede norme del come comandare e obbedire, per vivere in carità. Allora i più dissipati cominciarono a sollevare lamenti e giunsero a macchinare una vendetta. Misero il veleno nell’ampolla dell’acqua destinata a Benedetto. (Venire) _________  l’ora della refezione il santo, come di pratica, fece il segno della croce sul cibo e sulla bevanda, e l’ampolla si spezzò! Atterriti, i colpevoli del miracolo si gettarono pentiti a’ suoi piedi, (confessare) _________ la malvagità loro, (chiederne) _________ perdono. Perdonò egli, ma la notte stessa fuggì e si portò nella prima sua dimora, dove assorse a grandi propositi. Il buon odore di sua vita volò lontano, e di lontano attraevano a lui giovani di ogni condizione per vivere sotto la sua disciplina. Si moltiplicarono celle, si eressero monasteri, il più celebre dei quali fu Monte Cassino, ove San Benedetto dettò l’immortale sua regola, che ha resistito alla ferocia dei barbari ed alla ferina persecuzione degli eretici; regola che diede tanti porporati alla Chiesa e popolò il cielo di santi. Monte Cassino fu il novello Carmelo in occidente; di là Benedetto spedì i figli del cuor suo a portare l’incivilimento e la benedizione nelle varie contrade d’Europa. Dopo una vita intieramente consumata nelle asprezze e nelle preghiere, morì il 21 marzo 543; ma vive la regola (uscire) _________ dalla sua gran mente; vivono i suoi figli di vita ognor benefica alla Chiesa, alla società ed alla educazione della gioventù.

Esercizio 2. Trovate i sinonimi adeguati delle parole in neretto nel testo, scegliendo tra le tre alternative proposte.

Sbrigliata: a) posseduta; b) sfrenata; c) allegra
Asprezze: a) difficoltà; b) acidità; c) angosce
Dissipati: a) dispersi; b) corrotti; c) disseminati
Refezione: a) pasto; b) ricreazione; c) funzione
Assorse: a) si concentrò; b) rifletté; c) assurse
Ferina: a) disumana; b) febbrile; c) insistente
Porporati: a) credenti; b) seguaci; c) cardinali
Ognor: a) sempre; b) tutta; c) positivamente

Esercizio 3. Coniugate i verbi tra parentesi alle forme corrette del gerundio (semplice e composto) e del participio passato.

1. Non andavamo più d’accordo, così una volta (separarsi) _________, le nostre vite hanno preso strade differenti.
2. (Passare) _________ attraverso il bosco, Cappuccetto rosso sapeva di dover fare attenzione.
3. (Sottoporre) __________ il suo fisico a moltissime privazioni, non deve meravigliarsi se le sue analisi mediche sono tutte sballate.
4. Se (promuovere) _________, caro bambino mio, andrai in quinta; se (respingere) _________ , rimarrai dove sei perché dovrai ripetere l’anno scolastico.
5. Già (caricare) ________ la lavatrice e (programmarne) ________ l’avvio, sono uscita di casa per andare al supermercato. Al mio ritorno il bucato era pronto per essere steso.
6. Appena (stendere) _________ i panni ad asciugare, ha cominciato a piovere.
7. Non credo proprio che (pestare) _________ sui tasti con tutta codesta energia, tu potrai mai ottenere un suono migliore dal pianoforte.
8. (Tralasciare) _________ criminosamente di valutare l’impatto ambientale dell’insediamento industriale, ecco quali sono stati gli effetti nefasti che hanno colpito il nostro territorio.
9. Ho letto su internet un metodo per affrontare gli stressanti cambi di stagione: (prepararsi) ________ da soli in casa con ingredienti biologici il “latte d’oro” e (berne) _________ una tazza tutti i giorni.
10. Benché più e più volte (ripetergli) _________ che non può fare come gli pare, Giacomo continua come se niente fosse ad arrivare in ritardo e uscire prima.

Articoli correlati
Italiano con i Santi e il lessico: San Faustino, il protettore di chi cerca l’anima gemella
Italiano con i santi: la vita di San Francesco d’Assisi
Santo Stefano protomartire
Il gerundio con la Vanoni e Palazzeschi
Italiano con la letteratura: un brano da “Oceano mare” di Alessandro Baricco con esercizi sul gerundio e sul lessico
Italiano con la poesia: l’inverno, il Bramante e il participio passato assoluto

Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze.

All’Accademia del Giglio è possibile frequentare corsi di storia dell’arte, workshop intensivi di tecniche pittoriche classiche, workshop di scultura e corsi di lingua italiana per stranieri a Firenze.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquareG+ e Instagram.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.