Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Poesia italiana per studenti stranieri: Pier Paolo Pasolini “Senza di te tornavo, come ebbro” e “Supplica a mia madre”

Pier Paolo Pasolini (Bologna 1922 – Roma 1975) è stato uno dei più importanti scrittori del secolo passato. E’ stato anche regista, sceneggiatore, traduttore e giornalista. Ha scritto molte poesie. Qui di seguito ve ne proponiamo due di facile comprensione.

Senza di te tornavo, come ebbro,
non più capace d’esser solo, a sera
quando le stanche nuvole dileguano
nel buio incerto.
Mille volte son stato così solo
dacché son vivo, e mille uguali sere
m’hanno oscurato agli occhi l’erba, i monti
le campagne, le nuvole.
Solo nel giorno, e poi dentro il silenzio
della fatale sera. Ed ora, ebbro,
torno senza di te, e al mio fianco
c’è solo l’ombra.
E mi sarai lontano mille volte,
e poi, per sempre. Io non so frenare
quest’angoscia che monta dentro al seno;
essere solo.

(1945 – 1946)

  • parole difficili:

ebbro: ubriaco
dileguano: spariscono, scompaiono lentamente
dacché: da quando
m’hanno oscurato agli occhi: non mi hanno fatto vedere
frenare:: rallentare, trattenere
angoscia: sofferenza psicologica
monta: sale
seno: petto, cuore, parte fisica per indicare l’animo del poeta

Provate ora a confrontare questa poesia con “Alla sera” di Ugo Foscolo.

——————————————————–

Supplica a mia madre

È difficile dire con parole di figlio
Ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio.

Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore,
ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore.

Per questo devo dirti ciò ch’è orrendo conoscere:
è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia.

Sei insostituibile. Per questo è dannata
alla solitudine la vita che mi hai data.

E non voglio esser solo. Ho un’infinita fame
d’amore, dell’amore di corpi senza anima.

Perché l’anima è in te, sei tu, ma tu
sei mia madre e il mio amore è la mia schiavitù:

ho passato l’infanzia schiavo di questo senso
alto, irrimediabile, di un impegno immenso.

Era l’unico modo per sentire la vita,
l’unica tinta, l’unica forma, ora è finita.

Sopravviviamo ed è la confusione
di una vita rinata fuori dalla ragione.

Ti supplico, ah, ti supplico: non voler morire.
Sono qui, solo, con te, in un futuro aprile…

(25 aprile 1962)

  • parole difficili:

Supplica: preghiera, richiesta gentile
assomiglio: sono simile
dannata: condannata
irrimediabile: che non si può rimediare, cambiare
tinta: colore

Questa poesia si ritrova anche nel film “I Cento Passi“, nella scena in cui Peppino Impastato s’incontra segretamente con sua madre.

_________________

Accademia del Giglio
Lingua italiana, arte e cultura a Firenze
Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare

4 comments to Poesia italiana per studenti stranieri: Pier Paolo Pasolini “Senza di te tornavo, come ebbro” e “Supplica a mia madre”

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.