Iscriviti alla newsletter


logo adgblog

Categorie

Archivi

Luglio 2022
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Italiano con la letteratura e il mare: Caproni e Agnelli

Immaginate: è estate, verso sera, la spiaggia si è pian piano svuotata dai bagnanti e siete rimasti in pochi a guardare il mare. Che sensazione di pace e di compiutezza, non è vero? Forse potrete provare la stessa impressione leggendo questa poesia di Giorgio Caproni; purtroppo dovrete però presto scuotervela di dosso, perché invece di una bella cena, come sarebbe giusto, vi aspettano gli esercizi!

SPIAGGIA DI SERA
Così sbiadito a quest’ora
lo sguardo del mare,
che pare negli occhi
(macchie d’indaco appena
celesti)
del bagnino che tira in secco
le barche.

Come una randa cade
l’ultimo lembo di sole.

Di tante risa di donne,
un pigro schiumare
bianco sull’alghe, e un fresco
vento che sala il viso
rimane.

(Da “Come un’allegoria”, Degli Orfini, Genova 1936)

Attività 1

Qual è il significato delle parole in neretto del testo? Scegli fra le due opzioni proposte:

  1. Sbiadito: scolorito, del colore dell’erba secca
  2. Pare: sembra; appare
  3. Indaco: colore che sta tra il blu e il violetto; i jeans sporchi del bagnino;
  4. Tira in secco: asciuga; porta a riva
  5. Randa: tipo di vela; stella
  6. Lembo: raggio; striscia
  7. Sala: apre il viso a un sorriso; cosparge il viso di sale

Attività 2

Inserite le parole in neretto della poesia nella frase corrispondente.

  1. C’è un’espressione da velisti che fa così Cazza la _________! Esattamente, che significa? Chi mi può aiutare?
  2. Si preannuncia una tempesta: __________ tutti i natanti che sono ancorati in rada! Fai presto!
  3. Ho steso il bucato al sole splendente di oggi, con il risultato che il giallo della mia maglietta più bella si è tutto __________.
  4. ________, ________, _________ ancora le tue pietanze: vedrai come ti salirà la pressione!
  5. Ecco che ________ alla porta un ospite inatteso, neanche tanto benvenuto… uff!
  6. Il chirurgo ha appena ricucito un ________ della ferita, poi si accingerà a ricucire il secondo.
  7. Uno dei colori dell’arcobaleno, esattamente il secondo cominciando dall’esterno, è l’_________.

Attività 3

Leggete adesso questa breve descrizione di una vacanza al mare, tratta dal romanzo Vestivamo alla marinara, e inserite le preposizioni semplici o articolate mancanti:

D’estate andavamo a Forte dei Marmi. La casa aveva un giardino; sul davanti c’era una pineta che veniva sulla spiaggia; _____ centro della pineta un viale con la ghiaia. Si apriva il cancello di legno verde e là, davanti _____ piatte dune di sabbia coperte dal prunaio grigio azzurro, era il mare. Un mare dolce, tranquillo, argenteo _____ onde calme striate _____ schiume bianche che si disperdevano, morendo sulla spiaggia chiara e morbida. Sulla frangia dell’acqua correvano piccoli granchi. Vicino _____ riva un pescatore setacciava la sabbia, trainando uno strumento formato _____ tre pali di legno e una rete. Sul fondo rimanevano piccole arselle _____ guscio multicolore che il pescatore versava in un sacco tenuto _____ tracolla. Le arselle gettate nell’acqua bollente, poi aperte e pulite diventavano la miglior salsa per gli spaghetti. In cucina vedevano con disperazione l’arrivo dell’arsellaro che significava ore di lavoro _____ preparare una tazza di sugo. Quando c’era papà ci faceva svegliare al mattino presto _____ portarci con lui a passeggiare sulla spiaggia. Ci fermavamo _____ guardare i pescatori che tiravano _____ riva le reti. Si mettevano su due file e tiravano le cime gridando «Oh, issa» mentre, insieme, tendevano le spalle e la schiena all’indietro allontanandosi, lentamente, con passi cadenzati, _____ mare. Arrotolavano la cima e tornavano uno alla volta all’inizio della riga per ricominciare a tirare. Finalmente appariva la rete. Prima di vederla la si sentiva respirare e ribollire, piena _____ suo carico di pesci: meduse, aguglie magre dal lungo becco sottile, sogliole piatte, rossi scorfani, seppie che spandevano intorno il nero inchiostro, qualche volta una stella marina. Ero incantata _____ luce, _____ odore, _____ bellezza. Mio padre chiedeva a un pescatore di portarci a casa i pesciolini piccoli, _____ mangiare, fritti, per il breakfast. Naturalmente Miss Parker disapprovava; ci avrebbe guastato l’appetito per la colazione. Sulla spiaggia c’erano due grandi tende; una per i grandi e una per i bambini. Miss Parker ci faceva sdraiare _____ sole, dieci minuti _____ pancia, dieci minuti _____ schiena; non _____ più. In qualche strano modo doveva fare _____ calcoli sbagliati perché ogni anno ci prendevamo una scottatura; per lo meno io mi scottavo sempre.

Curiosità:

Dopo avere letto il brano, che idea vi siete fatti della famiglia dell’autrice? Si tratta di una famiglia di modeste condizioni economiche o agiata? Se vi dicessimo che la scrittrice si chiamava Susanna Agnelli, il vostro giudizio cambierebbe o troverebbe conferma?

Attività 4

Individuate nel brano appena letto la parola corrispondente alla descrizione.

  1. Ha cinque bracci, forse qualcuno in più o in meno, e non brilla nel cielo.
  2. Il bruciarsi superficiale della pelle quando si sta un po’ troppo tempo al sole.
  3. Bosco di alberi resinosi, caratteristico del litorale toscano.
  4. Strumenti che permettono ai pescatori di catturare molto pesce tutto insieme.
  5. Crostacei di piccole/medie dimensioni. Attenzione alle loro chele, possono dare dei bei pizzicotti!
  6. Pesci bruttissimi da vedere, il cui nome è diventato un aggettivo non molto gentile.
  7. Piccole pietre che si usano per coprire sentieri.
  8. Esclamazione che “aiuta” nei lavori faticosi.
  9. Un modo un po’ elegante e desueto per dire rovinato.
  10. Massa di cespugli che bucano la pelle.

Se queste attività ti sono piaciute potresti offrirci un caffè… o due!

buy me a coffee
Clicca sull’immagine

Articoli correlati

Esercizi sugli incipit di libri italiani famosi
“Alighieri Durante, detto Dante” di Alessandro Barbero: due attività per livelli B2/C1
Italiano con la letteratura: Il corvo di Mìzzaro di Luigi Pirandello – prima parte e seconda parte
L’8 marzo con la poesia “Sorridi” di Alda Merini e 10 aforismi sul sorriso
Letture semplificate per studenti di italiano L2/LS

Adgblog è il blog ufficiale dell’Accademia del Giglio, scuola di lingua, arte e cultura a Firenze.

Social

Seguiteci anche su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquareAnobiiTikTok e Instagram.

Newsletter

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità di adgblog iscriviti alla nostra newsletter.

Crediti

Collage creato con FotoJet

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.