Iscriviti alla newsletter


logo adgblog

Categorie

Archivi

Giugno: 2021
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

L’uso del verbo piacere al passato prossimo

Approfondiamo l’uso del verbo piacere imparando ad usarlo al passato prossimo, un tempo che causa difficoltà alla maggior parte degli studenti di italiano L2/LS.

Per ripassare il verbo piacere al tempo presente seguite questo link:

La coniugazione al presente indicativo

La coniugazione del verbo piacere al passato prossimo è la seguente:

Io sono piaciuto/a
Tu sei piaciuto/a
Lui/lei/Lei è piaciuto/a
Noi siamo piaciuti/e
Voi siete piaciuti/e
Loro sono piaciuti/e

Vediamo un paio di frasi con il verbo piacere:

  1. Sono piaciuto ai tuoi genitori?
  2. Sei stata molto simpatica e sei piaciuta a tutti.

Come possiamo notare, dopo il verbo compare sempre la preposizione a: questo significa che il verbo piacere regge un complemento indiretto.

Se però vogliamo dire che qualcosa o qualcuno è piaciuto a me/te/lui.. come possiamo fare? Guardiamo questi esempi:

  1. Mi è piaciuto questo gelato.
  2. Ti è piaciuta la gita?
  3. Gli è piaciuto andare a teatro.
  4. Le è piaciuto il film?
  5. Questa festa ci è piaciuta.
  6. Vi sono piaciuti i tortellini?
  7. Gli sono piaciute le paste?

Come per il presente il soggetto delle frasi precedenti non è io, tu, lui, ecc. I soggetti sono il gelato, la gita, andare a teatro, il film, ecc. e per questo motivo il verbo piacere si coniuga solo alla terza persona singolare e plurale.

I pronomi che si trovano prima del verbo sono dei pronomi indiretti (non riflessivi!) che significano a me, a te, a lui e che ci indicano la presenza di un complemento indiretto.

Il participio passato del verbo si accorda quindi con il gelato, la gita, andare a teatro, il film, ecc.

L’ausiliare del verbo piacere al passato prossimo è sempre essere.

Guardiamo adesso questa immagine per riassumere l’uso del verbo piacere al passato prossimo:

Quando formiamo una frase al passato prossimo il verbo piacere si usa alla terza persona singolare o plurale, accompagnato da un pronome indiretto (atono o tonico) o da un complemento (a Laura, a Giovanni, agli amici).

Poniamo particolare attenzione al soggetto:

  • se è singolare usiamo è piaciuto/a;
  • se è un’azione (infinito di un verbo) usiamo è piaciuto;
  • se è plurale usiamo sono piaciuti/e.

Adesso facciamo un esercizio per imparare a usare il verbo piacere.

Esercizio

Coniuga il verbo tra parentesi al passato prossimo.
È possibile svolgere questo esercizio in modalità interattiva:

  1. (Piacergli) _______________ il gelato alla fragola?
  2. Le tue parole non (piacermi) _______________ .
  3. (Piacerci) _______________ dormire all’aperto.
  4. Giovanna, lo sai che (piacere) _______________ molto ai tuoi insegnanti?
  5. (PiacerLe) _______________ l’ultima stagione di Lucifer?
  6. Noi (piacere) _______________ molto ai nostri vicini di casa.
  7. (Piacervi) _______________ ascoltare il concerto alla radio?
  8. So che (piacerti) _______________ molto il sushi di quel nuovo ristorante.
  9. A Laura (piacere) _______________ molto il film di ieri, soprattutto (piacerle) _______________ la protagonista.
  10. Ai miei genitori non (piacere) _______________ prendere l’aereo.

Se ti è piaciuta questa lezione puoi ringraziarci offrendoci un caffè!

buy me a coffee
Clicca sull’immagine

Articoli correlati

I pronomi indiretti
L’uso del verbo piacere al presente
Esercizio sul verbo piacere, il passato prossimo e l’imperfetto
Il passato prossimo: forma e uso

Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze.

All’Accademia del Giglio è possibile frequentare corsi di lingua italiana per stranieri, corsi di storia dell’arte, corsi di disegno e pittura.

Social

Seguiteci anche su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquareAnobiiTikTok e Instagram.

Newsletter

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità di adgblog iscriviti alla nostra newsletter.

Crediti

Foto di Pexels da Pixabay

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.