Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Settembre: 2014
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Italiano con le canzoni: il passato remoto con “Viaggio di un poeta”

barchetteSe c’è un tempo difficile da digerire, questo è il passato remoto. Gli studenti che si presentano a scuola, anche se sono già di livello intermedio, non hanno quasi mai trovato il verso di impararlo durante la loro carriera scolastica. Accampano scuse di tutti i generi, tra cui la più frusta è: ma questo tempo non lo usa più nessuno! Peccato che non sia vero e che, oltre a leggere qualche libro, basterebbe fare un po’ di attenzione quando si ascoltano le conversazioni quotidiane per rendersi conto di quanto questo tempo sia tutt’altro che in disuso. Nella canzone che ascolterete in questo post, il passato remoto oltre ad essere abbondantemente usato, si trova in compagnia dell’imperfetto e del trapassato prossimo, offrendo quindi lo spunto per un esercizio sulla concordanza di questi tempi. Per cominciare, ascoltate la canzone qui e inserite le parole mancanti, poi fate il secondo esercizio sulla concordanza. La canzone si intitola Viaggio di un poeta ed è eseguita dai I Dik Dik, un gruppo musicale particolarmente in auge negli anni ’70.

Viaggio di un poeta – 1972

Lasciò il suo paese all’età di vent’anni
con in _______ due soldi e niente più,
aveva una donna che amava da anni
lasciò anche lei per _______ di più.

Promise a se stesso di non _______
al vecchio paese della sua gioventù,
dove nessuno voleva _______
i campi d’arare e niente di più.

Cominciò così a fare il _______
girando paesi e città,
cercava _______ nei quartieri del mondo
dimenticando la sua povertà.

Un giorno in casa di un grande poeta
trovò dei ragazzi che parlavan di _______,
di colpo capì che era quella la mèta
che aveva raggiunto per esser _______.

Ritornò così a fare il _______
girando paesi e città,
voleva portare l’_______ nel mondo
ma pensò al paese di molti anni fa.

Senza un soldo in _______ tornò ancora verso casa
aveva capito cosa conta di più,
davanti alla sua porta c’era lei che lo aspettava
tutto come _______ e non chiedeva di più. isola deserta

Esercizio 2: coniuga i verbi al tempo richiesto dalla logica della narrazione (passato remoto, imperfetto, trapassato prossimo)

Armando (avere) ________ ormai trentacinque anni quando (decidere) ________ di partire dal proprio paese e di cercare fortuna lontano. La sua mamma non (volere) ________ lasciarlo andare, ma non (potere) ________ fare niente per trattenerlo. Armando, però, non (sapere) ________ dove andare perché non (stare) ________ mai _______ in nessun paese prima di allora. Allora (lui-prendere) ________ un mappamondo, (farlo) ________ girare vorticosamente e (fermarlo) ________ con un dito. (Lui-decidere)________ infatti ________ di partire per la destinazione scelta dal dito. Povero Armando: il dito (puntare) ________ un’isoletta in mezzo all’Oceano Pacifico! Armando, che (essere) ________ comunque un ragazzo coraggioso, non (perdersi) ________ d’animo e (stabilire) ________ di partire verso quella lontana meta. Poiché (lui-sapere) ________ che nessun aereo (potere) ________ portarlo esattamente fino a destinazione, (comprare) _______ un biglietto per l’aeroporto più vicino possibile e, quando (arrivare) ________ lì, (cercare) ________ di trovare un passaggio su una nave. Armando (essere) ________ anche un ragazzo fortunato, perché (trovare) ________ subito il passaggio, anche se la nave non (essere) ________ propriamente una nave, diciamo pure che (essere) ________ una barchetta che il suo proprietario (riadattare) ________ in qualche modo: (lui-eliminare) ________ i remi e (sostituirli) _________ con un motore abbastanza potente per affrontare le correnti oceaniche verso l’isoletta. Dopo qualche momento di difficoltà in cui la barchetta (rischiare) ________ di capovolgersi, Armando (arrivare) ________ finalmente a destinazione. Che spiacevole sorpresa (attenderlo) ________: l’isola (essere) ________ piccola e completamente deserta! Armando (stare) ________ per risalire sulla barca per ritornare indietro, quando (lui-accorgersi) ________ che il capitano ( girare) _______ il timone e (abbandonarlo) ________ su quella spiaggia remota. Adesso non (rimanergli) ________ che sedersi sulla sabbia e aspettare, aspettare, aspettare. Intanto, (avvicinarsi) ________ un temporale…

Articoli correlati
L’uso del passato remoto
Italiano con la letteratura: un racconto natalizio di Piero Bargellini per fare esercizio con l’imperfetto e il passato remoto
Italiano con le stagioni: l’autunno con una poesia e un racconto, passato remoto e forme alterate
Italiano con la grammatica: una riflessione sulle nuvole e un esercizio con il passato remoto
Italiano con la musica. Da “Una lacrima sul viso” a “Una furtiva lagrima”: pronomi e passato remoto

Per assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.