Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Luglio: 2012
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Grammatica italiana: facciamo il punto sul passato prossimo (più qualche esercizio)

Il Passato prossimo si usa per raccontare azioni passate e completate in un tempo molto vicino. Si forma utilizzando un verbo ausiliare (AVERE o ESSERE), che viene coniugato al tempo Presente, insieme alla forma del Participio passato del verbo che ci interessa.

Esempio:    HO MANGIATO    SONO ANDATO/A

Perché l’ausiliare ha due possibilità? Dipende dal verbo che vogliamo utilizzare al Passato prossimo:
se questo verbo è transitivo, l’ausiliare è sempre AVERE;
se questo verbo è intransitivo, l’ausiliare generalmente è ESSERE;
se questo verbo è riflessivo, l’ausiliare è sempre ESSERE

Cosa significa verbo transitivo? Come posso capire se un verbo è transitivo? Devo usare l’analisi logica e fare due domande teoriche dopo il verbo: se la risposta che posso dare è logica per la domanda, allora il verbo è transitivo. Se non è possibile rispondere logicamente, allora il verbo è intransitivo. Le domande sono chi? che cosa?
Esempio: il verbo AMARE
Io amo (chi?) Giorgio;    Io amo (che cosa?) il baseball

poiché il verbo amare può rispondere alle domande chi? che cosa? è transitivo. In questo caso il Passato prossimo sarà sempre con l’ausiliare AVERE:
io ho amato Giorgio; io ho amato il baseball.

_________________________________________________
Prendiamo adesso il verbo ANDARE:
Io vado (dove?) a Milano
Io vado (con chi?) con Maria
Io vado (quando?) la settimana prossima
Io vado (con che cosa?) con il treno
Io vado (da chi?) dal dottore
poiché il verbo andare non può rispondere alle domande chi? che cosa? è intransitivo. In questo caso il Passato prossimo sarà con l’ausiliare ESSERE:
io sono andato/a a Milano; io sono andato/a con Maria; io sono andato/a la settimana successiva; io sono andato/a con il treno; io sono andato/a dal dottore.

Attenzione: mentre possiamo essere assolutamente sicuri nel caso dei verbi transitivi, non possiamo esserlo altrettanto nel caso dei verbi intransitivi, perché numerosi verbi intransitivi vogliono l’ausiliare AVERE. I più comuni sono:
ABITARE ho abitato
VIAGGIARE ho viaggiato
CAMMINARE ho camminato
PASSEGGIARE ho passeggiato
DORMIRE ho dormito
RIPOSARE ho riposato
PRANZARE ho pranzato
CENARE ho cenato
RIDERE ho riso
PIANGERE ho pianto
TELEFONARE ho telefonato
NUOTARE ho nuotato
CHIACCHIERARE ho chiacchierato
_________________________________________________
I verbi riflessivi non presentano particolari problemi, perché vogliono normalmente l’ausiliare ESSERE.
Esempio: il verbo LAVARSI:  Io mi sono lavato/a
_________________________________________________

Attenzione: ci sono verbi che possono essere sia in forma transitiva, quindi con l’ausiliare avere, che in forma intransitiva, quindi con l’ausiliare essere; il più famoso è forse il verbo finire: Ho finito di pitturare il soggiorno; Lo spettacolo è finito. Altri verbi sono cominciare, aumentare, diminuire, passare, cambiare, salire, ecc.

_________________________________________________

Il PARTICIPIO PASSATO si usa per costruire il Passato prossimo. Le sue forme regolari sono:
Per la I coniugazione: – ATO mangiato
per la II coniugazione: – UTO creduto
Per la III coniugazione: – ITO finito

Attenzione: sono, purtroppo, moltissimi i verbi che hanno la forma del Participio passato irregolare, in particolar modo i verbi che appartengono alla II coniugazione. Alcuni sono:

FARE (transitivo) FATTO (ho fatto)
LEGGERE (transitivo) LETTO (ho letto)
DIFENDERE (transitivo) DIFESO (ho difeso)
DIVIDERE (transitivo) DIVISO (ho diviso)
SPENDERE (transitivo) SPESO (ho speso)
RIDERE (intransitivo) RISO (ho riso)
UCCIDERE (transitivo) UCCISO (ho ucciso)
NASCERE (intransitivo) NATO/A (sono nato/a)
SUCCEDERE (intransitivo) SUCCESSO/A (è successo/a)
METTERE (transitivo) MESSO (ho messo)
PERDERE (transitivo) PERSO (PERDUTO) (ho perso/ho perduto)
VEDERE (transitivo) VISTO (VEDUTO) (ho visto/ho veduto)
PIANGERE (intransitivo) PIANTO (ho pianto)
BERE (transitivo) BEVUTO (ho bevuto)
SCRIVERE (transitivo) SCRITTO (ho scritto)
APRIRE (transitivo) APERTO (ho aperto)
DIRE (transitivo) DETTO (ho detto)
MORIRE (intransitivo) MORTO (sono morto/a)
VENIRE (intransitivo) VENUTO (sono venuto/a)
ecc. ecc.

Attenzione: Ci sono alcuni verbi che possono essere sia transitivi che intransitivi, dipende dal contesto in cui vengono usati.
Esempi:
CAMBIARE Anna ha cambiato il vestito. (transitivo)
Mario è molto cambiato: è ingrassato di 10 chili! (intransitivo)
PASSARE Abbiamo passato delle meravigliose vacanze a Parigi. (transitivo)
Mi dispiace, ma l’autobus è già passato. (intransitivo)
FINIRE Ho già finito di leggere il libro. (transitivo)
Il film è appena finito. (intransitivo)
SALIRE Ho salito le scale per sette piani (transitivo)
Siamo saliti/e sul treno. (intransitivo)
ecc.ecc.

Allora…

PASSATO PROSSIMO = VERBO AUSILIARE AL PRESENTE + PARTICIPIO PASSATO

________________________________________________

ADESSO, UN PO’ DI ESERCIZI…

Inserisci la forma corretta del passato prossimo:

Esercizio 1
1. Non (io-accorgersi)………….. che il semaforo era rosso, (io-passare)………….. e (io-avere)………………. un incidente. Piccolo, per fortuna!
2. Gianni (trovare)………….. moltissimi pinoli, ma per aprirli (lui-schiacciarsi)………… un dito, che dolore!
3. Lo so che non ti piace scrivere e si vede: (tu-fare)………….. il compito senza concentrarti e il risultato (essere)……………. orribile!
4. (Maria-passare)……………… da casa tua, (suonare)…………….. il campanello, ma (tu-non rispondere)…………….:(tu-dimenticarsi)…………….. che avevi un appuntamento con lei?
5. Luigi non è più la stessa persona che conoscevo: (lui-cambiare)…………….. molto: (lui-diventare)……………. più bello e magro e anche più simpatico.
6. Stefano (finire)…………….. di disturbarti: (io-cancellare)……………. il tuo numero di cellulare dalla sua rubrica telefonica.
7. – (Voi-mandare)……………. il vostro CV all’ufficio? – Sì, ma prima (noi-cambiare)………….. alcune cose: (noi-aggiungere)…………… altre informazioni sulle esperienze lavorative che (noi-fare)……………….. recentemente.
8. (Voi-visitare)…………… la Sicilia? Come (essere)………….. il viaggio? Cosa (voi-fare)…………..? (Voi-stare)………….. sull’Etna?
9. Paolo e Elisabetta (sposarsi)…………… venticinque anni fa e ieri (festeggiare)…………….. l’anniversario al ristorante con parenti e amici. (Essere)………….. molto divertente!
10. Cosa (tu-vedere)…………….. ieri sera in televisione? (Tu-guardare)………….. quel famoso programma di divulgazione scientifica o (tu-scegliere)……………. il film d’azione?

Esercizio 2
A Carolina non piace fare spese, ma ieri (lei-andare)……………. con il suo fidanzato Giuseppe a scegliere gli anelli per il loro futuro matrimonio. Una scelta difficile, perché Carolina e Giuseppe non hanno molti soldi. Comunque, alla fine, Carolina (decidere)………… per due anelli d’oro con un diamantino per sé, mentre per Giuseppe (lei-prendere)…………… un anello simile, ma senza la piccola pietra preziosa. Quando (loro-uscire)…………. dal negozio, Giuseppe (arrabbiarsi)…………. un po’, perché (lui-non essere)…………… contento di avere un anello più economico, ma (lei-dire)……………. che i diamanti sono per le donne, non per gli uomini!
Siete d’accordo con Carolina?

Articoli correlati

Articoli correlati

Il passato prossimo
Due esercizi di livello A2 per fissare o ripassare il passato prossimo e l’imperfetto
Il solito problema: Imperfetto o passato prossimo?
L’italiano con le canzoni: imperfetto e passato prossimo con una canzone del nostro passato prossimo!

Per soluzioni e assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

2 comments to Grammatica italiana: facciamo il punto sul passato prossimo (più qualche esercizio)

  • esta pagina me parece muy especial para aprender este idioma tan complica como es el passato prossimo espero que me sea de gran ayuda gracias

  • Daniele

    Molto bene. Mi viene in mente che è possibile usare i verbi abitare e piangere anche in forma transitiva. Es: piangere la perdita/morte/scomparsa di qualcuno; abitare la propria casa (più raro)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.