Edilingua


banner edilingua

Corsi d’italiano on line/On line italian language courses

Archivi

Aprile: 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

L’italiano con la tv di Raiplay: I Soliti Ignoti

I soliti ignoti

Avete una classe che deve consolidare il presente indicativo e il lessico del mondo del lavoro?

I Soliti Ignoti, la nota trasmissione tv condotta da Amadeus, è un modo piacevole per raggiungere questi obiettivi. E questo per vari motivi che vedremo insieme passo passo.

Innanzitutto, scegliamo una puntata del programma dal sito Raiplay. Ce ne sono tantissime. Io ho scelto la puntata che è andata in onda il 7 aprile 2020.

Le prima domande che potete porre ai vostri studenti sono:

  • cosa significa la parola ignoto?
  • come si chiama il concorrente? Da dove viene?

Si passa poi alla presentazione dei mestieri degli ignoti:

  • aiuta i vitelli a nascere;
  • pescatrice di ricci;
  • canta nei pub;
  • “docente” di orchidee;
  • organizza tour tra i murales;
  • golfista;
  • arbitro di calcio;
  • sono un duo di razza.

Questa parte è molto utile perché:

  1. si può ascoltare e leggere al contempo (se secondo voi parlano troppo veloci per i vostri studenti potete andare su impostazioni e rallentare la velocità);
  2. si può chiedere agli studenti quali parole non conoscono;
  3. si può fare riflettere gli studenti su certe regole grammaticali. Ad esempio: pescatore è maschile e pescatrice è femminile, oppure far notare come in italiano si dica: aiutare qualcuno a fare qualcosa.

Il gioco poi inizia. Si dovrà spiegare agli studenti che il presentatore userà sempre la forma di cortesia con gli ignoti. Quindi dirà: “Si può accommodare” oppure “È Lei che…?”

Adesso inizia il gioco. Il conduttore rilegge i mestieri (questo sarà utile agli studenti per memorizzare il vocabolario).

Il primo ignoto si presenta.  Le domande che potete porre ai vostri studenti sono:

  • Come si chiama l’ignoto numero uno?
  • Quanti anni ha?
  • Da dove viene?
  • Che lavoro fa secondo voi?

Queste domande potranno essere usate anche per gli ignoti successivi.

Per alcuni ignoti si potranno anche anche fare domande sui loro indizi. Ad esempio per l’ignoto numero due:

  • Che cosa significa soprannome?
  • Quali soprannomi ha l’ignoto numero 2?
  • Che cosa significa fingere?

Spiegate poi che:

  1. solo un indizio è utile per identificare l’ignoto;
  2. spesso la città da dove viene l’ignoto può aiutarci a capire la sua professione. Ad esempio l’ignoto numero due viene dalla Liguria, regione famosa per la coltivazione di fiori;
  3. l’incontro ravvicinato può essere utile per capire che lavoro fa un ignoto;
  4. “l’imprevisto” può far perdere tutti i soldi accumulati;
  5. tra gli ignoti c’è sempre un personaggio famoso che viene in tv a promuovere un suo spettacolo o un suo film, in questo caso Marisa Laurito, attrice e presentatrice;
  6. il pubblico in studio può esprimere il suo accordo o disaccordo con le scelte del concorrente.

Non dimenticate poi di spiegare varie parole o espressioni che si ascolteranno durante il programma, come ad esempio “ce l’hai con me?” oppure “capriccio”.

Arriva poi la parte finale, entra in scena il parente misterioso. La domanda che gli studenti leggeranno sullo schermo è: “è il parente di…?” Si faranno loro quindi le seguenti domande:

  • secondo voi di chi è il parente misterioso e perché?
  • secondo voi a chi assomiglia il parente misterioso e perché?

Il concorrente poi chiede di conoscere altri dati sul parente misterioso, ovvero, nome, età e grado di parentela.

Alla luce di questi nuovi dati si chiederà agli studenti se hanno cambiato idea. Ovviamente durante la discussione sarà utile rivedere il lessico del volto: bocca, naso, occhi, sopracciglia, orecchie, guance, fronte, mento, ecc.

Infine il concorrente dimezza il numero degli ignoti e sceglie poi l’ignoto che secondo lui è il figlio del parente misterioso. Durante quest’ultima fase sì può ripassare la forma negativa. Amadeus infatti ripete 4 volte “non è il papà” e poco dopo utilizza le particelle negative “né… né…”.

L’ultima domanda che potete porre ai vostri studenti sarà: siete d’accordo oppure no con la scelta del concorrente? E perché?

Non dimenticate ovviamente di dare un piccolo premio a chi ha indovinato :)

Articoli correlati
Italiano con le canzoni di Sanremo 2018 e i mestieri: Una vita in vacanza” di Lo Stato Sociale
Italiano con i mestieri: lessico e preposizioni con Giovannino Guareschi
8 mestieri: esercizio per principianti
Che lavoro fanno? Esercizio per studenti di livello A1 (principianti)

All’Accademia del Giglio è possibile frequentare corsi di lingua italiana per stranieri, corsi di storia dell’arte, workshop intensivi di tecniche pittoriche classiche e altro ancora.

Social

Seguiteci anche su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquare e Instagram.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.