Iscriviti alla newsletter


logo adgblog

Categorie

Archivi

Novembre: 2010
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Moglie e “brunch” dai paese tuoi

Ultimamente in Italia, ho sentito in continuazione la parola “brunch“; la prima volta ero molto affascinata, essendo straniera e avendo certe tradizioni ereditate dagli statunitensi, ho pensato che finalmente avrei potuto recarmi in un ristorante italiano a gustarmi un bel “brunch”. Purtroppo mi sono ritrovata più di una volta con la solita sorpresa, non si trattava di un “brunch” ma di un ricco pranzo a buffet.

Oramai va di moda tra i ristoratori in Italia chiamare i propri pranzi a buffet in questa maniera, pur essendo che il “brunch” come tale non potrà mai far parte della cultura alimentare italiana, visto che nel bel paese la colazione rifiuta categoricamente le uova, il bacon, i salumi e i formaggi… Questo per non parlare degli orari: colazione al bar durante l’intera mattinata, pranzo dalle 12:30 fino a un paio d’ore più tardi,  aperitivo dalle 17:00 fino all’ora di cena che in alcuni locali comincia alle 19:00.

Il “brunch” non è altro che un neologismo proveniente dai paesi anglosassoni, derivante dall’unione di Breakfast (colazione) e Lunch (pranzo); si tratta di un pasto ricco che fa da colazione e pranzo allo stesso tempo; non verrà mai servito prima delle 10:00 e finirà verso le 15:00; offre il bello delle colazioni “americane” tipo uova, frittate, french toast, quiche, pancakes, frutta, cereali… e tutta la squisitezza dei pranzi accompagnati da cocktail tipo mimosa, bloody mary, bellini… Quindi la domanda sorge spontanea: perché usare una parola straniera per parlare di un pranzo a buffet? Può trattarsi di una trovata pubblicitaria per attirare l’attenzione della gente? La mia conclusione è che il “brunch” non potrà mai far parte della cultura italiana visto che gli italiani sono molto tradizionalisti per quanto riguarda i propri pasti e mangiare uova, bacon e salsicce a metà mattinata è per loro inconcepibile. Proprio per questo è meglio offrire un pranzo a buffet piuttosto che un “brunch” che, per quanto riguarda orari e cibi offerti, dista anni luce dall’esserlo. Che ne pensate?

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.