Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Gennaio: 2010
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

L’opera lirica per studenti stranieri: Casta Diva

Leggete la celebre aria (cavatina) “casta diva” tratta dal primo atto della Norma (1831) di Vincenzo Bellini, libretto di Felice Romani.

maria callasSiamo nell’antica Gallia al tempo dei Romani. Norma, sacerdotessa druidica di un tempio, ama in gran segreto il proconsole romano Pollione, da cui ha di avuto due figli. Ma Pollione s’innamora nel frattempo della giovane novizia Adalgisa, la quale, ignara della relazione fra Norma e Pollione, confessa il suo amore alla stessa Norma… La tragedia è garantita.
In questa scena Norma, ancora innamorata di Pollione, rivolge una preghiera alla Luna affinché non scoppi la guerra tra Galli e Romani e che il suo amato ritorni da lei.

Didascalia:
« [Norma] Falcia il vischio: le Sacerdotesse lo raccolgono in canestri di vimini. Norma si avanza, e stende le braccia al cielo. La luna splende in tutta la sua luce. Tutti si prostrano. »

PREGHIERA ALLA LUNA (casta diva, cioè dea pura)

NORMA

Casta Diva, che inargenti trasformi d’argento
Queste sacre antiche piante,
A noi volgi il bel sembiante
faccia
Senza nube e senza vel.
Tempra tu de’ cori ardenti,
dai forma
Tempra ancor lo zelo audace,
Spargi in terra quella pace
Che regnar tu fai nel ciel.

TUTTI.

A noi volgi il bel sembiante
Senza nube et senza vel.

NORMA

Fine al rito; e il sacro bosco
Sia disgombro dai profani,
libero
Quando il Nume irato e fosco dio
Chiegga il sangue dei Romani, chiede
Dal druidico delubro tempio dei Druidi
La mia voce tuonerà.

TUTTI

Tuoni: e un sol del popol empio sacrilego
Non isfugga al giusto scempio;
non sfugga al giusto castigo
E primier da noi percosso per primo da noi picchiato
Il proconsole cadrà.

NORMA

Si: cadrà… punirlo io posso… Pollione
(Ma punirlo il cor non sa.)
(Ah! bello a me ritorna
Del fido amor primiero;
fedele
E contro il mondo intiero
Difesa a te sarò.
sarà per te una difesa
(Ah! bello a me ritorna
Del raggio tuo sereno
con il
E vita nel tuo seno
E patria e ciel avrò.)
Ah! riedi
ancora qual’ eri allora ritorna
Quando, ah! quando il cor ti die. diedi

CORO

Sei lento, si, sei lento
O giorno di vendetta;
Ma irato il Dio t’ affretta
Che il Tebro condannò.
Tevere


Canta Montserrat Caballé

4 comments to L’opera lirica per studenti stranieri: Casta Diva

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.