logo adgblog

Edilingua


banner edilingua

Archivi

Gennaio: 2009
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Poesia italiana per studenti stranieri: “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi” di Cesare Pavese

Cesare Pavese (Santo Stefano Belbo, 1908 – Torino, 1950) è stato scrittore, poeta e traduttore. “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi” è la sua ultima raccolta di poesie, pubblicata dopo la sua morte.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi-
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno sapremo anche noi
che sei la vita e sei il nulla.
Per tutti la morte ha uno sguardo.
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Sarà come smettere un vizio,
come vedere nello specchio
riemergere un viso morto,
come ascoltare un labbro chiuso.
Scenderemo nel gorgo muti.

22 marzo 1950

  • parole difficili:

insonne: senza sonno
rimorso: senso di colpa
vizio: cattiva abitudine
vana: inutile
taciuto: non detto
riemergere: uscir fuori

Per ascoltare il testo cliccate qui

Articoli correlati

L’italiano con la poesie

Per assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

2 comments to Poesia italiana per studenti stranieri: “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi” di Cesare Pavese

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.