Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Giugno: 2008
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Attività in classe: Festività in Giappone, Portogallo e America

Dopo aver svolto l’attività pubblicata sul nostro blog Gli Italiani e le festività, ho chiesto a 5 studenti di livello A2 di scrivere il calendario delle feste nei loro rispettivi paesi di origine. Questo è quello che hanno redatto:

NEGLI STATI UNITI E IN INGHILTERRA (grazie a Helen e a Jacob)

Per capodanno non si lavora.

Per la festa di San Valentino si scambiano regali tra gli innamorati.

Per Pasqua si va in chiesa e si cercano le uova.

In Inghliterra, prima della Pasqua c’è il giorno delle crepes con limone e zucchero.

Per il giorno dei Caduti i negozi sono chiusi e non si lavora.

Per la festa dell’Indipendenza, il 4 luglio, si fa una vacanza per tutti. Si fa il barbecue e si guardano i fuochi d’artificio.

Il primo lunedì di settembre si celebra il giorno del Lavoro, nessuno lavora.

Il primo martedì di ottobre si celebra la festa di Cristoforo Colombo.

Il 31 Ottobre è la veglia di Ognissanti. I bambini mettono i costumi e gli si regalano i dolcetti.

Per il Giorno del Ringraziamento, un giovedì di novembre, gli americani mangiano il tacchino e la torta di zucca con le loro famiglie.

Per Natale si va in chiesa e si scambiano i regali.

IN PORTOGALLO (grazie a Filipa)

1 giugno: festa del bambino. Si fanno regali ai bambini.

Il 6 gennaio: giorno dei re, mangiamo “bolo-rei” (torta dei re), non è giorno festivo.

Il 19 marzo: giorno del papà, si dà un regalo al nostro papà.

La prima domenica di maggio: festa della mamma, si dà un regalo alla nostra mamma.

Il 25 aprile 1974: giorno della rivoluzione dei garofani (liberazione dalla dittatura fascista).

Il 5 ottobre 1910, giorno della repubblica, fine della monarchia.

Il 1 dicembre 1640, giorno della resturazione dagli spagnoli dopo un periodo di dominio durato 60 anni.

Il 10 giugno, giorno del Portogallo, di Luis de Camoes (poeta) e della comunità lusofona nel mondo.

Il martedì, 40 giorni prima di Pasqua: carnevale: ci vestiamo in maschera.

La cena del 24 dicembre si mangia baccalà.

Il 1 novembre, per Ognissanti i bambini cantano una canzone per le case vicine e si va al cimitero.

IN GIAPPONE (grazie a Satoko e Ayumi)

1 gennaio: capodanno: si mangiano i cibi speciali (osechi)preparati appositamente per l’anno nuovo. Si fa la prima visita al tempio dell’anno nuovo.

15 gennaio: festa per il compimento della maggiore età. Si celebra chi ha compiuto 20 anni.

3 febbraio (setsubun): il giorno che precede l’inizio della primavera. Si lanciano fagioli di soya per celebrare l’arrivo della primavera urlando. “che la fortuna giunga a noi e che i demoni se ne stiano lontani”.

11 febbraio: anniversario della fondazione della nazione.

3 marzo: festa delle bambine. Si decorano 7 mensole per le bambole e le bambole tradizionali. Si celebrano le ragazze. Si mangia sushi speciale.

29 aprile: festa dell’imperatore del Shyowa.

3 maggio: anniversario della costituzione.

5 maggio: festa dei bambini. Si celebrano i ragazzi. Si decorano i manicotti di stoffa a forma di carpa (koinobori).

15 agosto: si va al cimitero.

15 settembre: giorno degli anziani.

3 novembre: Festa della cultura.

23 novembre: giorno di ringraziamento per il lavoro.

23 dicembre: genetliaco dell’imperatore.

31 dicembre: si fanno le pulizie in tutte le camere. Si mangia il piatto di soba. Si cucinano i cibi speciali preparati appositamente per l’anno nuovo.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.