Iscriviti alla newsletter


logo adgblog

Categorie

Archivi

Settembre: 2007
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

In redazione: attività didattica di ripasso sui tempi (passato, presente, futuro).

titoloQuest’attività serve a ripassare e sondare l’effettiva comprensione dell’uso dei tempi verbali, in specifico: presente, passato prossimo (o passato remoto), imperfetto, futuro.
Materiale occorrente: fogli di carta bianchi A4, un foglio in formato A3, pennarelli, forbici, un giornale.
L’insegnante dovrà procurarsi nei giorni precedenti all’attività almeno un giornale, dovrà ritagliarne tutti i titoli e, da essi, successivamente, ritagliare ancora ogni singola parola (articoli, sostantivi, preposizioni, ecc). Nello stesso giornale, o in alternativa in un libro di lingua italiana, sarà poi cura dell’insegnante scegliere un breve articolo da sottoporre agli studenti che abbia le seguenti caratteristiche: un titolo caldo (vale a dire di un certo impatto), un testo breve e relativamente semplice possibilmente con un fotografia che ne illustri il contenuto in modo chiaro.

L’attività si divide in cinque fasi:
1) Gli studenti e l’insegnante devono analizzare insieme da quali parti è composto di solito un giornale (cronaca, sport, cultura, rubriche, previsioni…) cercando di ricavare la maggiore quantità di vocabolario possibile per una migliore comprensione dell’articolo. Questa prima attività varrà anche come brainstorming per gli studenti che saranno poi in grado di parlare per qualche minuto tra loro delle loro preferenze in fatto di quotidiani, di come di solito fruiscono le notizie e di quale tipo di articoli preferiscono leggere.
Si passa poi, tutti insieme, ad analizzare lo schema della prima pagina: testata (si può domandare agli studenti quale tipo di testate italiane conoscano, se ne abbiano mai lette, ecc…), taglio alto-medio-basso, fondo, sommari-civette-contorni.
2) A questo punto l’insegnante consegna agli studenti l’articolo scelto per leggerlo.
La comprensione del testo avviene seguendo le cinque classiche domande utili a scrivere gli articoli: Chi? (Who?); Cosa? (What?); Quando? (When?); Dove? (Where?); Perché? (Why?).
L’insegnante invita gli studenti a notare i tempi verbali usati nell’articolo, il tipo di stile del giornalista, il tipo di notizia, il sistema di comporre il titolo (caldo o freddo? Perché?).
3) Ora l’insegnante riversa sul tavolo tutte le parole ritagliate nei giorni precedenti cercando di lasciarle in un pittoresco disordine e comunica agli studenti che l’aula è diventata in realtà la redazione di un giornale e che gli studenti devono creare con le parole presenti sul tavolo dei titoli per gli articoli da proporre in prima pagina. L’insegnante dà un po’ di tempo agli studenti (5-10 minuti) per creare il/i proprio/i titolo/i.
4) Mentre gli studenti compongono i vari titoli, anche aiutandosi reciprocamente, l’insegnante trasforma la lavagna in una “prima pagina” di giornale (si può trovare un valido aiuto per analizzarne la struttura qui), in cui scrive le varie parti e successivamente, quando gli studenti avranno terminato di comporre i titoli, sotto ogni dicitura specifia (taglio alto, medio…) l’insegnante scriverà il titolo dell’articolo che dovrà comparire in quel punto. In questo modo gli studenti avranno l’impressione abbastanza realistica di trovarsi veramente in una redazione e inoltre sapranno che tipo di formato dare al proprio articolo (colonna, orizzontale…).
5) A questo punto i giornalisti/studenti scriveranno i loro articoli e dopo una correzione in plenum li attaccheranno sul cartellone che l’insegnante avrà nel frattempo costituito come struttura portante della prima pagina.
I titoli in più che gli studenti potrebbero aver composto saranno degli ottimi sommari da attaccare ai lati degli altri articoli.

corrieregiglio

L’immagine qui sopra è il risultato dell’attività didattica svolta in classe all’Accademia del Giglio di Firenze.

1 comment to In redazione: attività didattica di ripasso sui tempi (passato, presente, futuro).

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.