Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Febbraio: 2015
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  

Italiano con la letteratura: dalle Lettere di Antonio Gramsci, tre esercizi di livello B1/B2

antonio-gramsci-fondatore-de-l-unita

Durante i difficili e penosi anni di permanenza nel carcere di Turi in provincia di Bari, dove fu rinchiuso dal regime fascista, e nei seguenti anni trascorsi in case di cura, Antonio Gramsci affidò i suoi pensieri a molti scritti che furono poi raccolti e numerati dalla cognata Tatiana, in seguito inviati all’Ambasciata sovietica a Roma, da qui a Mosca, consegnati poi a Palmiro Togliatti e pubblicati infine, a guerra terminata, dalla casa editrice Einaudi, andando così a costituire la raccolta dei Quaderni dal carcere. Il grande intellettuale italiano non mancò comunque di scrivere lettere anche ai familiari, in particolare ai figli Delio e Giuliano. Da questa raccolta di scritti più intima abbiamo estrapolato tre brani che ci sono serviti per proporvi alcuni esercizi di grammatica.

Esercizio con la prima lettera: coniugare i verbi tra parentesi alle forme dell’indicativo richieste dalla logica della narrazione: Attenzione: è presente anche una forma ipotetica!

Dalla lettera XVI
Studiare è difficile
Carissimo Giuliano,
ti faccio tanti auguri per l’andamento del tuo anno scolastico. (Io- essere) __________ molto contento se tu (spiegarmi) __________ in che consistono le difficoltà che (tu-trovare)   __________ nello studiare. (Parermi) _________ che se tu stesso riconosci di avere delle difficoltà, queste non (dovere) __________ essere molto grandi e (tu-potere) _________ superarle con la diligenza e la buona volontà. Il tempo assegnato allo studio (essere) _________ sufficiente per te? Forse (tu-essere) _________ un po’ disordinato, (tu-distrarti) ____________, la memoria non (funzionare) ___________ o tu non (sapere) __________ farla funzionare? (Tu-dormire) ___________ bene? Quando (tu-giocare) ___________ pensi a ciò che (tu-studiare) __________ o quando studi pensi al gioco? Oramai (tu-essere) __________ un ragazzo già formato e puoi rispondere alle mie domande con esattezza. Alla tua età io (essere) __________ molto disordinato, (andare) __________ molte ore a scorrazzare nei campi, però (studiare) _________ anche molto bene perché (avere) __________ una memoria molto forte e pronta e non (sfuggirmi) __________ nulla di ciò che era necessario per la scuola: per dirti tutta la verità debbo aggiungere che (io-essere) ___________ furbo e (sapere) _________ cavarmela anche nelle difficoltà pur avendo studiato poco. Ma il sistema di scuola che io ho seguito (essere) __________ molto arretrato; inoltre la quasi totalità dei miei condiscepoli non (sapere) __________ parlare l’italiano che molto male e stentatamente e ciò (mettermi) __________ in condizioni di superiorità, perché il maestro (dovere) __________ tener conto della media degli allievi e il saper parlare correntemente l’italiano era già una circostanza che (facilitare) ___________ molte cose (la scuola era in un paese rurale e la grande maggioranza degli allievi era di origine contadina). Carissimo, (io-essere) __________ certo che (tu-scrivermi) __________ senza interruzione e (tenermi) ___________ al corrente della tua vita. (Io-abbracciarti) ___________.
Tuo papà.

Esercizio con la seconda lettera: inserite gli aggettivi possessivi e i pronomi personali (atoni e tonici, diretti e indiretti) mancanti.

Lettera XXVII
Ogni cosa è seria
Carissimo Giuliano,
tu vuoi che ____ scriva di cose serie. Molto bene. Ma cosa sono le «cose serie» che vuoi leggere nelle _____ lettere? Tu sei un ragazzo, e per un ragazzo anche le cose per i ragazzi sono molto serie, perché sono in rapporto con la _____ età, con le _____ esperienze, con le capacità che le esperienze e la riflessione su di esse _____ hanno procurato. Del resto prometti di scriver_____ qualche cosa ogni cinque giorni: sono molto contento se _____ farai, dimostrando_____ di aver così molta forza di volontà. Io _____ risponderò sempre (se potrò) e molto seriamente.
Caro, io ______ conosco solo per le ______ lettere e per le notizie che ______ mandano di _____ i grandi : so che sei un bravo ragazzo, ma perché non _____ hai scritto nulla del _____ viaggio al mare? Credi che non sia una cosa seria? Tutto ciò che _____ riguarda è per _____ molto serio e _____ interessa molto; anche i _____ giochi.
_____ abbraccio.
Antonio

Esercizio con la terza lettera: in questa lettera sono presenti ampi spazi vuoti che dovrete colmare inserendo le frasi mancanti scegliendole opportunamente fra le seguenti: però un altro segreto; non lo soddisferò mai; per il mio onomastico; ti abbraccio teneramente; è molto difficile da procurare; ha fatto molto ridere; il Sant’Antonio che mi protegge; ti ringrazio degli auguri; ho ricevuto dei regali

babirussa

il babirussa

Lettera LI 
Il «babirussa»
Carissima Tania,
una cosa che mi _____________________________ nell’ultima tua cartolina, è la tua affermazione di sapere che io ci tengo a che mi si facciano gli auguri _________________________ . Non so chi ti abbia rivelato questo segreto, che tenevo accuratamente nascosto; tanto nascosto e tanto segreto che dall’età di sei anni non sapevo neppure più di custodire (solo fino ai sei anni _________________  per il mio onomastico).  ___________________________ io ti voglio rivelare: non sono mai riuscito a soddisfare e forse, ahimè, _______________________ ,il desiderio di mangiare una frittura mista di rognoni e di cervello di babirussa e di rinoceronte. Cara Tania, in ogni modo ___________________, con la semplice avvertenza che ____________________  non è quello di giugno, ma quello di gennaio, accompagnato dalla specie europea del babirussa. Purtroppo il babirussa abita solo nelle isole della Sonda e quindi ______________________ , specialmente sotto forma di cervello e rognoni freschi.
Carissima Tania, ______________________ .
Antonio

Articoli correlati
I pronomi diretti tonici e atoni
I pronomi indiretti
Italiano con le stagioni: l’autunno con una poesia e un racconto, passato remoto e forme alterate
Il senso deontico del verbo “dovere” nelle Lettere dal carcere di Antonio Gramsci. Con esercizi

Per soluzioni e assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Social networks

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.