Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Febbraio: 2012
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829  

Aggettivi e pronomi indefiniti

Leggiamo questo testo:

Tutte le volte che Giovanni cercava di concentrarsi per finire il suo lavoro, c’era sempre qualcuno che lo disturbava. Chi per una cosa, chi per un’altra, ognuno dei suoi colleghi sentiva il bisogno di consultarlo.

Ogni tanto mi piacerebbe stare un po’ da solo e non avere nessuno che mi distragga! Chiunque viene a farmi domande per qualsiasi problema, anche il più insignificante! Non ne posso più!

Si sfogò con il suo direttore che lo invitò ad avere pazienza. – Comunque, – gli disse, – Le farò avere un aumento per ringraziarLa della Sua disponibilità.

– Beh, – commentò Giovanni, a cui l’idea dell’aumento non poteva far altro che piacere, – non tutto il male viene per nuocere!

 

Solo pronomi

Ognuno/a
Uno/a/i/e
Chiunque
Qualcuno/a
Qualcosa
Niente
Nulla
Alcunché
Solo aggettivi

Ogni
Qualche
Qualunque
Qualsiasi
Certo/a/i/e
Diverso/a/i/e
Alquanto/a/i/e
Pronomi e aggettivi

Ciascuno/a
Nessuno/a
Alcuno/a/i/e
Altro/a/i/e
Molto/a/i/e
Tanto/a/i/e
Parecchio/a/i/e
Troppo/a/i/e
Poco/a/i/e
Quanto/a/o/i
Tutto/a/i/e
Tale/i
Altrettanto/a/i/e

Osserviamo:

SOLO PRONOMI:

  • Ognuno/a:si riferisce a una totalità di persone prese singolarmente. Ha solo il singolare maschile e femminile:

Ad ognuna delle bambine hanno fatto un regalo.

  •  Uno/a/i/e: si riferisce a persona o cosa indeterminata. Ha le forme maschile, femminile, singolare e plurale:

Ho incontrato uno un po’ strano…

Al plurale la forma “gli uni” è usata in correlazione con la forma “gli altri”:

Ho chiesto l’opinione degli uni e degli altri.

  • Chiunque: si riferisce solo a persone. È usato solo al singolare ed è invariabile:

Chiunque conosca quella storia, sarà d’accordo con la ricostruzione che ne è stata fatta.

  • Qualcuno/a: si riferisce ad un numero indeterminato, ma non grande:

Qualcuno mi ha parlato di questa cosa.

  • Qualcosa; niente; nulla; alcunché:

si riferiscono esclusivamente a cose. Sono invariabili:

Raccontami qualcosa di te!

Non ho sentito alcunché.

I pronomi niente e nulla vogliono la negazione non, se seguono il verbo:

Non voglio nulla da te!

 Niente è perduto!

SOLO AGGETTIVI:

  • Ogni: è invariabile, si usa solo con valore di singolare e indica tutti i/tutte le:

Ogni mercoledì vado al cinema, perché è più economico.

  • Qualche: è invariabile si usa solo con valore di singolare e indica una piccola quantità di persone o cose:

Qualche volta mi farebbe piacere uscire la sera!

  • Qualunque, qualsiasi: sono invariabili, si usano solo con valore di singolare e indicano persone o cose indefinite. Spesso richiedono l’uso del Congiuntivo:

Qualunque decisione tu prenda, avrai il mio appoggio.

 Potrai addurre qualsiasi ragione per il tuo gesto, ma io non ti crederò.

  • Certo/a/i/e: se prima del nome, ha significato indefinito a indicare quantità precisa, ma non descritta. Se dopo il nome, ha significato di sicuro:

Certi giorni mi sento più stanco.

 Sono uscito con certi amici.

 Questo è un risultato certo.

Nota: può essere anche avverbio:

Vieni anche tu alla festa? Certo che ci vengo!

  •  Diverso/a/i/e: prima del nome, alla forma plurale, indica quantità indefinita; dopo il nome ha il significato di differente:

All’incontro sindacale c’erano diversi rappresentanti del mondo politico.

Se vedessi Gregorio oggi non lo riconosceresti più: è un uomo totalmente diverso.

  • Alquanto/a/i/e: esprime una quantità indefinita, comunque modesta, e può significare abbastanza, piuttosto:

Alla festa c’erano alquante persone.

Nota: può essere anche avverbio:

 Ieri, Giacomo si è comportato in modo alquanto strano.

L’ho rivisto ieri dopo tanto tempo e mi è parso alquanto invecchiato.

 PRONOMI E AGGETTIVI:

  •  Ciascuno/a:si riferisce a una totalità di persone prese singolarmente. Ha solo il singolare maschile e femminile:

Ciascuno di voi è libero di fare come gli pare!

Ciascuna studentessa può scegliere il libro che preferisce.

  •  Nessuno/a: ha significato opposto a ciascuno. Usato dopo il verbo vuole la negazione non:

Nessuno mi capisce!

 Non mi capisce nessuno!

  •  Alcuno/a/i/e: al singolare è usato in frasi negative; al plurale indica una quantità limitata:

Non c’è alcuna scusa per quello che hai fatto!

 Alcuni di voi potrebbero darmi una mano a fare questo esercizio!

  •  Altro/a/i/e: generalmente, se accompagnato dall’articolo, indica persone, se privo di articolo indica cose. Come aggettivo, preceduto da articolo indeterminativo, ha il significato di differente:

Se non viene lei, verrà un’altra al posto suo.

 Purtroppo, non c’è altro da fare.

 Per favore, mettiti un altro vestito!

  •  Molto/a/i/e, tanto/a/i/e, parecchio/a/i/e, troppo/a/i/e, poco/a/i/e:

si riferiscono a quantità indefinite. Generalmente, al singolare si usano solo per le cose, al plurale per le cose e le persone:

Giorgio afferma di non avere molti soldi.

 A saldi quasi conclusi, nel negozio c’era poca scelta.

 C’erano troppe persone allo spettacolo: era quasi impossibile respirare.

Nota: possono essere anche avverbi:

Quel ragazzo studia molto, ma non mi pare che faccia progressi.

 Questo libro mi è piaciuto molto.

 Marco è un ragazzo parecchio intelligente.

  •  Tutto/a/i/e: è il contrario di niente. Occorre fare attenzione in presenza di un articolo, perché quest’ultimo accompagna solo il nome:

Anna ha comprato un chilo di panna e l’ha mangiata tutta.

 Ho letto tutto il libro.

  •  Tale: si usa principalmente come pronome preceduto dall’articolo indeterminativo. Si può troncare in tal, ma senza apostrofo:

C’è un tale che desidera parlarti al telefono.

 Un uomo sconosciuto si può chiamare il Tal de’ Tali.

  •  Altrettanto/a/i/e:

indica la stessa misura di quanto precedentemente detto:

Alla conferenza di una settimana fa c’erano almeno duecento persone e a quella di ieri altrettante.

La giuria sarà formata da dodici persone: sei donne e altrettanti uomini

 “Buon viaggio!”, “Grazie, altrettanto!”

Nota: può essere anche avverbio:

 La tua opera vale altrettanto che la mia.

 Articoli correlati

Esercizio con i pronomi indefiniti
Italiano con le canzoni: In un giorno qualunque di Marco Mengoni

Per soluzioni e assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Amici su Facebook? E su Twitter ci segui? No? Allora LinkedIn!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.