Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Agosto: 2010
L M M G V S D
« Lug   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

A ognuno la sua fiaba!

Inserisci nei vari brani tratti da diverse fiabe famose i seguenti personaggi:

La Bella addormentataLa Sirenettail Brutto anatroccoloCenerentolaLa nonnaLa Regina cattivaCappuccetto RossoAliceBiancaneve

a)
– Oh, ____________, che orecchie grosse!

– Per sentirti meglio.
– Oh, ____________, che occhi grossi!
– Per vederti meglio.
– Oh, ____________, che grosse mani!
– Per meglio afferrarti.
– Ma, ____________, che bocca spaventosa!
– Per meglio divorarti!.
E subito il lupo balzò dal letto e ingoiò il povero _________________.

b)
– Specchio, specchio delle mie brame! Chi è la più bella del reame?
– Lo specchio rispose: , _________________ la più bella qui sei tu, ma _________________ lo è molto di più.

c)
Ad un tratto, l’orologio della torre suonò il primo rintocco di mezzanotte. _________________, ricordandosi di ciò che la fata le aveva detto, fuggì dalle braccia del suo principe senza nemmeno salutarlo. Mentre correva giù dalla scalinata del palazzo reale, inciampò e perse una scarpina di cristallo.

d)
Andò subito in cerca di uno specchio, per potersi vedere: ma non trovando uno specchio, riempì d’acqua la catinella del lavandino, e specchiandovisi dentro, vide quel che non avrebbe mai voluto vedere: vide, cioè, la sua immagine abbellita di un magnifico paio di orecchi asinini.
Lascio pensare a voi il dolore, la vergogna e la disperazione del povero _________________!

e)
– Vuoi un po’ di vino? – disse la Lepre di Marzo affabilmente.
_________________ osservò la tavola, e vide che non c’era altro che tè. – Non vedo il vino, – ella osservò.
– Non ce n’è, replicò la Lepre di Marzo.
– Ma non è creanza invitare a bere quel che non c’è, – disse _________________ in collera.
– Neppure è stata creanza da parte tua sederti qui senza essere invitata, – osservò la Lepre di Marzo.
– Non sapevo che la tavola ti appartenesse, – rispose _________________; – è apparecchiata per più di tre.

f)
La _________________ pensò che la vita era più tranquilla nel regno profondo del mare; fugacemente, rimpianse la sua vita comoda, ma la vista del giovane la riportò alla realtà.
Con gli occhi chiusi sembrava dormisse e poté osservarlo per lungo tempo… furtivamente, gli diede un bacio sulla fronte. E se fosse morto? Disperata, non sapeva che fare per salvare colui che amava già con tutto il cuore. Si sentì inutile, la sua coda di pesce le impediva tutti i movimenti sulla terra ferma.

g)
I tre cigni si avvicinarono e lo accarezzarono con il becco dandogli così il benvenuto, mentre alcuni ragazzi attorno allo stagno declamavano a gran voce la sua bellezza e la sua eleganza.
Mise la testa sotto le ali, quasi vergognoso di tanti complimenti e tanta fortuna: lui che era stato per tanto tempo un _________________ era finalmente felice e ammirato.

h)
_________________ aveva soltanto gli occhi chiusi: ma si sentiva respirare dolcemente; e così dava a vedere che non era morta. Il Re ordinò che la lasciassero dormire in pace finché non fosse arrivata la sua ora di destarsi.

Per soluzioni e assistenza contatta gli insegnanti della nostra scuola a: adg.assistance@gmail.com. Tutti gli esercizi e attività didattiche presenti in questo blog sono provati nelle classi di italiano L2/LS dell’Accademia del Giglio di Firenze, dove si studia lingua italiana (per gli stranieri) e le tecniche artistiche classiche (per italiani e stranieri).

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.