Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Aprile: 2009
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Poesia italiana per studenti stranieri: tre poesie di Giovan Battista Marino

Giovan Battista Marino (Napoli, 1569 – Napoli, 1625) è stato uno dei puù importanti scrittori del barocco italiano.

Noi vi proponiamo tre sue poesie d’amore, adatte a partire da un livello C1.

BELTA‘ CRUDELE

labbra1E labra ha di rubino
ed occhi ha di zaffiro

la bella e cruda donna ond’io sospiro.
Ha d’alabastro fino
la man che volge del tuo carro il freno,
di marmo il seno e di diamante il core.
Qual meraviglia, Amore,
s’ai tuoi strali, ai miei pianti ella è sì dura?
Tutta di pietre la formò la natura.

  • Parole difficili:

Beltà: bellezza
labra: labbra
la man che volge del tuo carro il freno: la mano che tiene il freno del tuo carro
s’ai tuoi strali, ai miei pianti ella è sì dura: se alle tue frecce e ai miei pianti lei è cosi resistente.

GUERRA DI BACI

fulmineFeritevi, ferite,
viperette mordaci,
dolci guerriere ardite
del Diletto e d’Amor, bocche sagaci!
Saettatevi pur, vibrate ardenti
l’armi vostre pungenti!
Ma le morti sien vite,
ma le guerre sien paci,
sian saette le lingue e piaghe i baci.

  • Parole difficili:

feritevi: imperativo che invita le bocche della riga 4 a ferirsi
ferite: sono le bocche (metafora poetica)
mordaci: che mordono
ardite: coraggiose
Diletto: piacere
sagaci: intelligenti, sveglie
saettatevi: mandatevi l’una contro l’altra dei baci veloci come saette
ardenti: caldissime
l’armi vostre: le vostre armi
sien: siano, congiuntivo ottativo ovvero “devono essere”
piaghe: ferite

DONNA CHE SI PETTINA

tizianoOnde dorate, e l’onde eran capelli,
navicella d’avorio un dì fendea;
una man pur d’avorio la reggea
per questi errori preziosi e quelli;

E mentre i flutti tremolanti e belli
con drittissimo solco dividea,
l’or de le rotte fila Amor cogliea,
per formarne catene à suoi ribelli.

Per l’aureo mar, che rincrespando apria
il procelloso suo biondo tesoro,
agitato il mio core a morte gìa.

Ricco naufragio, in cui sommerso ì moro,
poich’almen fur ne la tempesta mia
di diamante lo scoglio e ‘l golfo d’oro.

  • Parole difficili:

navicella d’avorio: metafora per un pettine d’avorio
un dì: un giorno
fendea:  solcava (il pettine “solca” i capelli come la nave solca/attraversa il mare)
reggea: reggeva, cioé teneva
per questi errori preziosi e quelli: per questo errare/viaggiare perzioso di qua e di là
flutti:  le onde, ovvero i capelli
l’or de le rotte fila Amor cogliea, per formarne catene à suoi ribelli: Amore raccoglieva i biondi capelli rotti per catturare/incatenare coloro che,  come l’autore, si ribellano al suo sentimento
rincrespando apria: mostrava increspandosi
procelloso: tempestoso
gìa: andava
ì moro: io muoio
poich’almen fur ne la tempesta mia di diamante lo scoglio e ‘l golfo d’oro: poiché almeno nella tempesta lo scoglio (la fronte di lei) fu splendente come un diamante e il golfo (i suoi capelli) fu d’oro.

3 comments to Poesia italiana per studenti stranieri: tre poesie di Giovan Battista Marino

  • Penso a che cosa succederebbe se gli stranieri imparassero ad esprimersi proprio in questo modo.

  • roberto balò

    Ahaha, non credo ci siano grossi rischi! Anche se, a dire la verità, a volte le frasi che riescono a creare sono delle perle di vera poesia che farebbero invidia al Marino!

  • secondo me questo poesie sono bellissime, i barocchi tramite le metafore facevano provare un grande stupore ai lettori.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.