logo adgblog

Iscriviti alla newsletter

Categorie

Archivi

Novembre: 2006
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Per Michael

SchumiChi mi conosce sa quanto io sia tifosa di Michael Schumacher e quanti siano quelli che hanno cominciato a guardare le corse di Formula Uno indotti dalle mie appassionate descrizioni dei Gran Premi e soprattutto del mio pilota preferito.
Chi mi conosce sa anche altrettanto bene che non è molto lontano il tempo in cui indossavo il cappellino di Michael Schumacher, ne utilizzavo i gadgets e leggevo la Gazzetta dello Sport e riviste sull’automobilismo per poi unirmi a qualunque gruppo di persone discutesse dell’ultimo Gran Premio disputato.
Per chi non lo conoscesse ancora Michael è un pilota tedesco, il migliore pilota, che ha legato il suo nome all’Italia, correndo per la Ferrari, la migliore macchina di tutti i tempi. Ecco dunque il motivo di questo post che non parla dell’Italia, né degli Italiani, né del “Made in Italy”, ma è dedicato a un ragazzo tedesco che è diventato un po’ italiano e del quale i tifosi italiani non potranno dimenticarsi.
Domenica 22 ottobre, purtroppo, Michael Schumacher ha disputato l’ultima gara in Formula Uno e ha deciso di mettere un punto alla sua meravigliosa carriera che io ho avuto la possibilità di seguire assiduamente in questi anni.
E dunque qui si abbassa il sipario, è il momento dei saluti e dei ringraziamenti: allora grazie al ragazzo venuto da Kerpen che a molti era sembrato distaccato e freddo, ma che si è dimostrato aperto e allegro come un italiano; grazie al pilota perfetto e perfezionista che ha saputo sbagliare e correggersi; grazie al sette volte Campione del Mondo che non ha avuto paura di gareggiare con chi era appena arrivato in Formula Uno, di perdere e di lottare per tornare a vincere.
Non occuperò spazio con noiosi dati anagrafici o statistici relativi a questo pilota che mi ha permesso di passare momenti emozionanti negli afosi pomeriggi delle domeniche estive: coglierò solo l’occasione per salutare un campione insostituibile che, seppur non italiano, ha fatto conoscere ancora di più l’Italia nel mondo.
Aufwiedersehen Michael!

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.