logo adgblog

Categorie

Archivi

Dicembre: 2010
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Inaugurazione mostra “I’ll never give up smoking” a Officina Giovani, Prato

Si inaugura sabato 18 dicembre 2010 alle ore 18:30 presso Officina Giovani, Cantieri Culturali Ex Macelli, piazza Macelli 4, Prato, la mostra I’ll never give up smoking. La mostra resterà aperta fino al 14 gennaio 2011 con orario da lunedì al sabato dalle ore 15:00 alle ore 19:00. La mostra è a cura di Alba Braza Boïls, opere di Valentina Lapolla, Vanni Bassetti, Fermín Jiménez Landa, Kaoru Katayama, Yonel Hidalgo, Beatrice Mochi Zamperoli.

I’ll Never Give Up Smoking raccoglie una serie di lavori in cui ci si diverte e si gode di una sensazione di libertà allo stato puro, carica di ottimismo, quasi fosse una risposta alla mostra precedente, The Fear Factor.

Nonostante la differenza di età e di esperienza tra un artista e l’altro, tutti sono eredi di un periodo – quello degli anni Sessanta e della generazione Beat – al quale ancora oggi guardiamo con la sana invidia di chi avrebbe voluto trovarsi contemporaneamente in tutti i luoghi per prendersi il meglio, senza lasciarsi sfuggire nessuna occasione.

I’ll Never Give Up Smoking procede senza paura, come fosse un viaggio durante il quale ogni stimolo diventa un’opportunità, un’ulteriore porta che si apre davanti a noi. È un viaggio nello spazio fisico e attraverso il tempo, che si sofferma con entusiasmo in un presente aperto a continue reinterpretazioni.

Dal suo luogo di origine, Prato, Valentina Lapolla in Camouflage studia il suo spazio per raccontarci nei dettagli una delle situazioni che si stanno verificando in città, e lo fa utilizzando se stessa come catalizzatore di sensazioni.

Con lo stesso atteggiamento critico, Yonel Hidalgo individua alcune crepe all’interno del sistema del suo paese di origine, Cuba, vista con gli occhi di un cubano che ormai è quasi diventato italiano. Filosofía de la raza cósmica (Filosofia della razza cosmica) parte da una serie di «documenti di proprietà» raccolti a partire dal 1937 (quindi prima della Rivoluzione cubana), utilizzati per attestare l’identità del proprietario di elettrodomestici e altri oggetti… Yonel raggruppa questi documenti e li presenta ironizzando sul loro senso e sulla loro reale necessità all’interno di un regime comunista. Senza smettere di camminare e di godersi la vita, andando sempre alla ricerca delle situazioni più propizie, in Anónimos cordiales (Anonimi cordiali), di Fermín Jiménez Landa, si aprono continuamente davanti ai nostri occhi, come una matriosca, nuovi modi di intendere e di vivere. Lettere anonime inviate ai suoi amici in cui con tono minaccioso propone o chiede un parere su cambiamenti insignificanti (Caro Alberto, se vuoi smetterò di fumare o se preferisci fumerò ancor di più). Allo stesso modo, l’autore propone una soluzione al problema di come Desempatar en altura las dos torres más altas de Barcelona (Differenziare in altezza le due torri più alte di Barcellona) collocando un albero di natale in cima ad una di esse. Un’azione tanto eversiva quanto assurda, un sovvertimento nelle priorità che trae origine da un viaggio fatto a Lucca e dall’aver appreso che lì, all’inizio del XIV secolo, la famiglia Guinigi collocò alcuni olmi in cima alla propria torre per far sì che sovrastasse tutti gli altri edifici della zona.

Te quiero mucho (Ti voglio tanto bene), di Kaoru Katayama, è un video registrato in un bar frequentato da uomini messicani e chicanos, per la maggior parte gay, che si trova al centro di Los Angeles. Dentro questo bar, messicani e chicanos abbandonano momentaneamente il ruolo maschile che hanno interiorizzato e si lasciano andare alla più sincera tenerezza, consentendo (almeno per un istante) ai propri desideri di vincere i loro stessi pregiudizi. Parallelamente questo lavoro rappresenta sia per Karou, che è di origini giapponesi ma vive ormai da vent’anni in Spagna, sia per noi un invito a condividere una tappa del viaggio in cui il superamento, inteso come apprendistato, funge da stimolo per continuare a fare nuove scoperte.

Da piccolo aveva visto un vagabondo chiedere a sua madre un pezzo di torta, e lei glielo aveva dato, e quando il vagabondo si era allontanato lungo la strada il bambino aveva detto:
– Mamma, chi è quello lì?
– Mah… è un vagabondo.
– Mamma, anch’io voglio fare il vagabondo, da grande.

Jack Kerouack, Sulla strada

In questo racconto, uno dei compagni di viaggio che Sal Paradise incontra On the Road ricorda come fu che smise di avere paura di dire ciò che pensava, facendo uso della sua apparente ingenuità per provocare. Allo stesso modo Beatrice Mochi Zamperoli, mentre si prepara facendo degli esercizi con i suoi capelli, sembra voler lanciare un avvertimento, un segnale per dire che si appresta a lottare, è cosciente di se stessa ed è pronta a superare tutti gli ostacoli, perché anche se non li conosce ancora, riesce ad intuirli. E poi Vanni Bassetti, Playground, che con i suoi passi incerti quasi non si azzarda a oltrepassare la linea, fino ad arrivare a Anche se rido, non c’è niente da ridere che con dolce sfacciataggine ci mostra altre realtà attraverso momenti come La danseuse e Duccio e Luigi.

E sebbene… Dicemmo qualcosa a proposito di una fermata a Monterey, Dean voleva arrivare al più presto a Città del Messico e poi pensava che la strada sarebbe diventata più interessante, specialmente più in là, sempre più in là… (Jack Kerouack, Sulla strada) I’ll Never Give Up Smoking nonostante possa sembrare la negazione di qualcosa, altro non è che un invito.

Officina Giovani
piazza Macelli 4, 59100 Prato
tel. +39 05741836753 fax +39 05741836779
www.cantiericulturali.prato.it
staff@officinagiovani.it

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.