Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Dicembre: 2014
L M M G V S D
« Nov   Gen »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Italiano con la scultura: stampo, fusione e altre tecniche

Dopo aver studiato il nome degli utensili che si usano per scolpire e aver svolto la comprensione sulla scultura a intaglio e modellato, parliamo degli altri tipi di scultura.

collagescultura3-500

Attività 1. Scegliete la parola corretta tra quelle proposte.

Gli stampi accolgono l’impronta/la faccia del modello costituendone il “negativo”: in essi viene quindi colorata/colata una sostanza fluida o semifluida, che ne prenderà la forma e produrrà così il “positivo”, cioè la copia del modello.

Lo stampo è detto a “forma perduta” se deve essere rotto per rompere/estrarre l’opera. se invece si può smontare, ed è quindi riutilizzabile, si chiama a “buona forma”. Gli stampi possono essere rigidi (terracotta, gesso, ecc) o flessibili (lattice, caucciù, ecc).

Sculture in cemento o plastica: dopo aver preparato il cemento o la materia plastica, si cola in stampi/forme rigidi di legno, gesso e sabbia.

Sculture in metallo: esistono diverse categorie di sculture a seconda del tipo di metallo/negativo impiegato: metallo prezioso (oro, argento e platino), ferroso e non ferroso. Esistono anche sculture in lega, come l’acciaio e la ghisa, l’ottone e il bronzo, che sono ferri/materiali più resistenti agli urti e quindi particolarmente adatti alla scultura.

Attività 2. Collegate i nomi dei diversi tipi di scultura alle loro descrizioni.

1. FUSIONE

2. SALDATURA

3. ASSEMBLAGGIO

4. INSTALLAZIONE

5. LAND-ART

a. Con questa tecnica vengono uniti i pezzi di metallo fondendone i rispettivi bordi. I due metodi più comuni sono quello a cannello, in cui si fa uso di bombole di ossigeno e acetilene, e quello “ad arco voltaico”, che si usa per per sviluppare altissime temperature.

b. Forma d’arte caratterizzata dall’intervento diretto dell’artista sul territorio naturale come deserti, laghi salati, praterie, ecc.

c. Uno dei metodi più usati in questa tecnica consiste nel creare un modello di cera che viene utilizzato per farne uno stampo di argilla. Vengono poi praticati due fori sullo stampo, uno in alto e uno in basso si fa uscire la cera scaldandola, si versa il bronzo o altre leghe fuse e se ne ricava un modello identico a quello di cera.
Esiste anche un metodo detto “a sabbia”, che viene impiegato soprattutto per la realizzazione di medaglie e bassorilievi.

d. Si intende un genere di arte visiva sviluppatosi a partire dagli anni settanta. È un’opera d’arte in genere tridimensionale che comprende media, oggetti, luci, suoni e forme espressive di qualsiasi tipo installati in un determinato ambiente più o meno grande.

e. Tecnica artistica relativamente recente usata da molti artisti novecenteschi che hanno utilizzato materiali un tempo esclusi dall’arte, come rottami di ferro, scarti di varia natura, confezioni, stracci, ecc, assemblati secondo varie tecniche.

1. __ 2. __ 3. __ 4. __ 5. __

Articoli correlati

L’italiano con l’arte: la scultura e i suoi attrezzi e la scultura a intaglio e modellato.
Il lessico di base dell’architettura.
Italiano con la storia dell’arte: Bartolomeo Ammannati, architetto e scultore

Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze.

All’Accademia del Giglio è possibile frequentare workshop intensivi di scultura e di tecniche pittoriche classiche, corsi di storia dell’arte e corsi di lingua italiana per stranieri a Firenze.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.