Iscriviti alla newsletter


logo adgblog

Categorie

Archivi

Mi piace/mi piacciono e dintorni: tanti modi per dire “mi piace” in italiano

Tutti conoscono l’espressione “mi piace” in italiano, ma ci sono tanti altri modi e sfumature per esprimere il proprio apprezzamento o disprezzo verso qualcuno o qualcosa. Ecco i più importanti:

MI PIACE oppure…

  • “Vado pazzo/matto per”. Significa “mi piace moltissimo”. Esempi: Luca va matto per quel gruppo rock; vado pazzo per la pizza.
  • “Adoro”. Anche quest’espressione significa “mi piace moltissimo”, ma è più ricercata, spesso sarcastica. Esempi: Adoro il jazz; amore mio ti adoro quando mi urli in questo modo.
  • “Amo”. Significa mi piace ma con una connotazione sentimentale. Esempi: Amo camminare lungo il Tevere prima del tramonto; Ti amo anche se tu non mi ami.
  • “Sono innamorato/a di”. Espressione fortemente sentimentale. Si usa per una persona o cosa che sono oggetto del nostro amore. Esempi: Sono innamorato di Firenze; sono innamorato di quella ragazza.
  • “Apprezzo”. Molto formale. Esempio: Apprezzo molto il Suo interessamento.
  • “Non mi dispiace”. Meno forte di “mi piace”. Esempi: Non mi è dispiaciuto l’ultimo film di Virzì.
  • “È una figata/uno sballo!”. Linguaggio giovanile e colloquiale, si usa soprattutto per azioni o cose. Esempi: Fare snowboard è davvero una figata.
  • “Mi garba”. Si usa in Toscana, è sinonimo di “mi piace”. Esempio: Quei quadri mi garbano un monte!
  • “Mi fa morire”. Colloquiale. Esempio: La nutella sulle crepes mi fa morire.
  • “Mi va a genio”. Colloquiale. Esempio: Finalmente ho trovato un collaboratore che mi va a genio.
  • “Mi sfagiola. Molto colloquiale. Esempio: Ma te sfagiola quel tipo strano?
  • “Mi attrae/essere attratto da”. Indica attrazione, anche sessuale. Esempi: Mi attraggono molto gli uomini sui quarant’anni; sono sempre stato attratto dai grandi temi filosofici.
  • “Mi tira”. Significa “mi piace” istintivamente proprio in questo momento. Esempio: Quei dolcetti in vetrina mi tirano molto, ne compro un po’. 
  • “Mi va” (“mi va di” + infinito). Significa “mi piace” proprio in questo momento. Esempi: Ti vanno due spaghetti? Ti va di fare due passi?

Articoli correlati

L’uso del verbo piacere al presente indicativo e al passato prossimo
I pronomi indiretti
Mi piace, mi sembra, mi serve: quelle costruzioni verbali che si sbagliano spesso

Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze.

All’Accademia del Giglio è possibile frequentare corsi di lingua italiana per stranieri, corsi di storia dell’arte, corsi di disegno e pittura.

Social

Seguiteci anche su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquareAnobiiTikTok e Instagram.

Spotify

Su Spotify trovate questa e le altre canzoni didattizzate da adgblog nella nostra playlist Le canzoni di adgblog.

Newsletter

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità di adgblog iscriviti alla nostra newsletter.

 

Scrivi un commento

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.