Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Mi piace/mi piacciono e dintorni: tanti modi per dire “mi piace” in italiano

Tutti conoscono l’espressione “mi piace” in italiano, ma ci sono tanti altri modi e sfumature per esprimere il proprio apprezzamento o disprezzo verso qualcuno o qualcosa. Ecco i più importanti:

MI PIACE oppure…

  • “Vado pazzo/matto per”. Significa “mi piace moltissimo”. Esempi: Luca va matto per quel gruppo rock; vado pazzo per la pizza.
  • “Adoro”. Anche quest’espressione significa “mi piace moltissimo”, ma è più ricercata, spesso sarcastica. Esempi: Adoro il jazz; amore mio ti adoro quando mi urli in questo modo.
  • “Amo”. Significa mi piace ma con una connotazione sentimentale. Esempi: Amo camminare lungo il Tevere prima del tramonto; Ti amo anche se tu non mi ami.
  • “Sono innamorato/a di”. Espressione fortemente sentimentale. Si usa per una persona o cosa che sono oggetto del nostro amore. Esempi: Sono innamorato di Firenze; sono innamorato di quella ragazza.
  • “Apprezzo”. Molto formale. Esempio: Apprezzo molto il Suo interessamento.
  • “Non mi dispiace”. Meno forte di “mi piace”. Esempi: Non mi è dispiaciuto l’ultimo film di Virzì.
  • “È una figata/uno sballo!”. Linguaggio giovanile e colloquiale, si usa soprattutto per azioni o cose. Esempi: Fare snowboard è davvero una figata.
  • “Mi garba”. Si usa in Toscana, è sinonimo di “mi piace”. Esempio: Quei quadri mi garbano un monte!
  • “Mi fa morire”. Colloquiale. Esempio: La nutella sulle crepes mi fa morire.
  • “Mi va a genio”. Colloquiale. Esempio: Finalmente ho trovato un collaboratore che mi va a genio.
  • “Mi sfagiola. Molto colloquiale. Esempio: Ma te sfagiola quel tipo strano?
  • “Mi attrae/essere attratto da”. Indica attrazione, anche sessuale. Esempi: Mi attraggono molto gli uomini sui quarant’anni; sono sempre stato attratto dai grandi temi filosofici.
  • “Mi tira”. Significa “mi piace” istintivamente proprio in questo momento. Esempio: Quei dolcetti in vetrina mi tirano molto, ne compro un po’. 
  • “Mi va” (“mi va di” + infinito). Significa “mi piace” proprio in questo momento. Esempi: Ti vanno due spaghetti? Ti va di fare due passi?

Articoli correlati

I pronomi indiretti
Mi piace, mi sembra, mi serve: quelle costruzioni verbali che si sbagliano spesso

All’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze, è possibile frequentare corsi di storia dell’arte, workshop intensivi di tecniche pittoriche classiche, workshop di scultura e corsi di lingua italiana per stranieri a Firenze.

Social

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest, G+ e Instagram.


Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.