Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Maggio: 2014
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Italiano con le canzoni e i mesi: esercizi di lessico con “Era de maggio” di Salvatore Di Giacomo

SMN1a

roselline di maggio a Santa Maria Novella

Passato l’inverno e passate anche le piogge che caratterizzano tradizionalmente aprile, possiamo finalmente godere delle splendide giornate che maggio ci dona con tanta generosità; senza fretta, però, ché ci vorrà ancora un po’ di tempo prima che il meteo si posizioni sul bello stabile! Ci stiamo avviando adesso verso l’estate attraverso il mese dedicato alla Madonna e conseguentemente a tutte le mamme, celebrato in poesia e in musica. A questo proposito, eccovi una tra le più belle canzoni napoletane, composta nel 1885 da Mario Pasquale Costa su versi del poeta Salvatore Di Giacomo, che narra della promessa tra due innamorati di rivedersi a maggio quando le rose torneranno a fiorire.

(pausa pubblicitaria: parlando di rose, lo sapete che l’Accademia del Giglio organizza un corso estivo su più date di sketchbook e paesaggismo, che nel mese di giugno prevede una sessione anche nello splendido Giardino delle rose, sotto il piazzale Michelangelo?)

Il testo non sarà di facilissima comprensione, essendo in dialetto napoletano; per semplificarvi un po’ la vita, abbiamo messo in rosso alcuni vocaboli o espressioni cui dovrete rintracciare il significato fra le parole qui di seguito suggerite (così, intanto, fate il primo esercizio) mentre ascoltate la canzone, qui nell’esecuzione di Franco Battiato:

davanti – tornerai –  dentro – ciliegie – cambia – me ne ricordo – starei – profumava- quello – due – più – vai –a ciocche – tornerò – volta – mondo – grembo  – in mezzo – fiore – dolce – sarò

Era de maggio

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.
Fresca era ll’aria, e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe.
Era de maggio; io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce.
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce.

E diceva: “Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse e io conto ll’ore…
chisà quanno turnarraje?”
Rispunnev’io: “Turnarraggio
quanno tornano li rrose.
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.”

E so’ turnato e mo, comm’a ‘na vota,
cantammo ‘nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ‘ammore vero no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,
si t’allicuorde, ‘nnanz’ a la funtana:
Ll’acqua llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d’ammore nun se sana.

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioia mia,
‘mmiez ‘a st’aria ‘mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: “Core, core!
core mio, turnato io so’.
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’!
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuo’.”

Il secondo esercizio elenca alcuni proverbi sul mese di maggio, ma li presenta monchi: completateli scegliendo la parte mancante (più o meno in rima) tra le soluzioni proposte.

1. Se piove i primi di maggio, ____________
2. Maggio asciutto e soleggiato, ___________
3. Nel mese di maggio ___________
4. Maggio ortolano (cioè piovoso), __________
5. Aprile carciofaio, ___________
6. Quando piove per San Filippo (26 maggio) ____________
7. Per Santa Rita (22 maggio) ____________
8. Acqua di maggio è ___________
9. Maggio fresco e casa calda, ____________
10. A san Bernardino (20 maggio), _____________
11. Chi pota di maggio e zappa d’agosto, ___________
12. Il giorno di San Cataldo (10 maggio) _____________
13. Maggio ventoso, ____________
14. Aprile fa il fiore e ____________
15. Maggio asciutto, ______________

A. sparisce il freddo e arriva il caldo.
B. anno bondanzioso.
C. il povero non ha bisogno del ricco.
D. noci e fichi faranno buon viaggio.
E. molto grano a buon mercato.
F. non raccoglie né pane né mosto.
G. buono per tutto.
H. ogni rosa è fiorita.
I. come la parola di un saggio.
L. maggio ciliegiaio.
M. molta paglia poco grano.
N. maggio si ha il colore.
O. la massaia sta lieta e balda (cioè fiera).
P. compra legna e formaggio.
Q. la fioritura del lino.

Spotify

Potete ascoltare questa e le altre canzoni didattizzate da adgblog su Spotify cercando nella nostra playlist adgblog 2014 – Italian & songs.

Articoli correlati
Italiano con le canzoni: “Una notte a Napoli” dei Pink Martini
Auguri, mamma! (esercizi sulle forme alterate)
Italiano con i mesi dell’anno: una poesia di Gianni Rodari per augurare un Buon 2013!
Il giro d’Italia con le regioni: la Campania
Se vi interessasse anche il dialetto romanesco, ecco un post su una poesia di Trilussa: Trilussa: dal romanesco all’italiano

Social networks

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

All’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze, è possibile frequentare corsi di storia dell’arte, workshop intensivi di tecniche pittoriche classiche, workshop di scultura e corsi di lingua italiana per stranieri a Firenze.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.