Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

L’italiano a tavola: cose da non fare. Parte 2

Dopo quelle che avete trovato su questo post, ecco un’altra serie di cose da evitare di fare a tavola. Leggete la seconda parte dell’articolo di Loretta (preso in prestito e adattato dal sito TheItalianTaste) e rispondete alle domande.

A tavola! (Cose da non fare mai!) –  Seconda parte

Bere e masticare
Non fatelo mai insieme. Lasciate queste prodezze ai bambini che devono comunque essere prontamente corretti ogni volta che lo fanno. La regola è bere solo dopo aver deglutito e pulito la bocca. Si consiglia inoltre di testate la temperatura dei cibi per evitare bocconi troppo freddi o caldi. Boccacce, smorfie e versi strani non sono un’espressione di stile e tanto meno sono divertenti. Anche le dimensioni del boccone devono essere normali poiché non si deve allargare troppo la bocca. Ovviamente non si può masticare a bocca aperta, né tantomeno parlare mentre si mastica.

Piatto di portata
Se le portate non sono individuali ma collettive non bisogna buttarsi a pesce dando così l’impressione che non si mangi da mesi: bisogna pensare anche agli altri.

La bottiglia dell’acqua e del vino
Se si ha bisogno dell’acqua o del vino non è bene sporgersi attraverso il tavolo, ma bisogna chiedere al vicino di passare la bottiglia.

Il proprio piatto
Non bisogna mai allargare il cibo sul piatto per farlo raffreddare più in fretta e nemmeno soffiarci. Non si può annusare e fare boccacce. È buona norma essere sicuri di ciò che si ordina per cui si possono fare tutte le domande possibili al cameriere per essere sicuri che il piatto sia di nostro gradimento. Non è bello rimandare in cucina il piatto intatto. Ovviamente il caso è diverso quando l’errore non è vostro ma del cameriere: in questo caso la classe vuole che la questione venga affrontata senza arroganza.

Le posate
Il coltello va tenuto con la destra, l’indice non deve toccare la lama e non va mai portato alla bocca.
La forchetta va tenuta con la sinistra quando si usa contemporaneamente il coltello e con la destra quando si usa da sola.
Quando si usa il cucchiaio bisogna assolutamente evitare di fare “risucchi” con la bocca.
La posizione delle posate ha un preciso linguaggio: una volta finito di mangiare bisogna lasciare forchetta e coltello con i manici sul bordo nella posizione “sei e trenta” (perpendicolarmente al commensale) per indicare che si è finito e il cameriere può toglierci il piatto. Se invece si vuole parlare tranquillamente si possono mettere le posate nel piatto incrociate con il manico sul bordo.

La scarpetta
Non è bello fare la scarpetta, evitatelo nelle occasioni formali. Quindi la salsa nel piatto, purtroppo, si lascia lì.

Sale e pepe
Non si può toccare né il sale né il pepe con le dita e quindi è buona norma disporre sulla tavola saliera e portapepe con un cucchiaino.

Stuzzicadenti
Non si usano e quindi non vanno neanche messi a tavola.

Alzarsi da tavola
In genere non si dovrebbe potersi alzare da tavola quando gli altri ancora non hanno finito. Se avete questa esigenza chiedete almeno scusa.

Qualche curiosità finale
Nelle cene ufficiali non augurate mai buon appetito. Il cin cin nei momenti ufficiali non viene pronunciato. Ci si limita a sollevare i calici e a non far tintinnare i bicchieri.

Fine seconda parte.

Rispondi vero o falso alle seguenti domande:

1. Non si può parlare mentre si mastica, ma si può tenere la bocca aperta soprattutto se il boccone è molto caldo.
2. Non bisogna servirsi piatti troppo grossi altrimenti gli altri potrebbero restare senza.
3. Se è possibile raggiungere le bottiglie è meglio farlo da soli senza disturbare i vicini.
4. Se un piatto non è di proprio gradimento è normale rimandarlo indietro; stessa cosa se il cameriere ci ha servito un piatto diverso da quello che avevamo richiesto.
5. Quando si è finito di mangiare bisogna lasciare le posate incrociate sul piatto.
6. Fare la scarpetta significa raccogliere la salsa che rimane nel piatto.
7. È possibile salare le pietanze usando le dita.
8. Non è elegante usare gli stuzzicadenti.
9. Se proprio si ha bisogno di alzarsi da tavola è meglio chiedere scusa.
10. Durante i brindisi formali non si deve far toccare i bicchieri tra loro.

Articoli correlati

L’italiano a tavola: cose da non fare. Parte 1.
22 ricette di adgblog più o meno facili da preparare.
La lingua italiana in cucina (1): gli utensili.
Tutti ai fornelli!
Un po’ di verdure, due ricette e gli articoli determinativi.

Per aiuto e assistenza contattate gli insegnanti della nostra scuola a: adg.assistance@gmail.com

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.