Edilingua


banner edilingua

Corsi d’italiano on line/On line italian language courses

Archivi

Febbraio: 2009
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  

Lettura facilitata: La misteriosa scomparsa di Federico Caffé

Presentiamo questo testo tratto dal sito di “Chi l’ha visto?“. Si tratta di un’articolo che racconta la misteriosa scomparsa del grande economista Federico Caffè. I link e le parole in grassetto vi facilitano la lettura aiutandovi così nella comprensione (testo adatto per studenti di livello B1/B2).  Nell’immagine la copertina del libro “Federico Caffè: scritti quotidiani

federico caffèE’ l‘alba del 15 aprile 1987: l’economista Federico Caffè esce dalla sua casa al 42 di via Cadlolo in zona Monte Mario, a Roma, lasciando sul comodino i documenti e gli occhiali che usa per leggere. Da questo momento se ne perde ogni traccia. Dalle ricerche delle forze dell’ordine, dei suoi studenti e degli amici, non emerge il più piccolo indizio: Caffè è svanito nel nulla. Pescarese di origine, nato nel 1914, Caffè è per trent’anni docente di Politica economica e finanziaria alla facoltà di Economia e Commercio dell’Università “La Sapienza” di Roma. Consulente di spicco dell’Ufficio Studi di Bankitalia, antifascista storico e difensore keynesiano dello stato sociale, nel dopoguerra ricopre i ruoli di Segretario particolare e di Capo di Gabinetto di Meuccio Ruini, Ministro della Ricostruzione del governo Parri.

Ma un susseguirsi di disgrazie stravolge i suoi ultimi anni: la morte della madre e quella della tata che lo aveva cresciuto, la scomparsa dei colleghi Ezio Tarantelli, assassinato dalle Br nell’85, e Fausto Vicarelli, morto in un incidente stradale, e quella del suo studente Franco Franciosi, stroncato da un tumore. Dolori, questi, che Caffè riesce a sopportare con l’aiuto dell’insegnamento e dei suoi allievi. Ma quando l’età gli impone di lasciare la cattedra, cade in un profondo sconforto. Agli amici confessa di non riuscire a scrivere e di avere amnesie sempre più frequenti: “Io non sono un uomo -dice- sono una testa. Se quella arrugginisce, di me non resta più niente”.

Che fine ha fatto Federico Caffè? Secondo alcuni si è suicidato, secondo altri si è ritirato nella solitudine di un convento. Ma in ogni caso rimane un dubbio. Negli ultimi mesi Caffè non mangiava quasi più ed era molto debole: difficilmente avrebbe potuto allontanarsi da solo. Quella mattina di aprile, qualcuno potrebbe averlo accompagnato in un luogo isolato in cui compiere l’estremo gesto, o in cui trovare rifugio. Del resto, per fuggire a quell’esistenza divenuta insopportabile, Caffè aveva chiesto aiuto, senza ottenerlo, ad alcuni suoi allievi. Forse, alla fine, altri hanno accettato. Ermanno Rea, autore del libro “L’ultima lezione” sulla vita e sulla scomparsa di Caffè, in una recente intervista a “la Repubblica” si dice convinto che qualcuno sappia e non voglia parlare. Ma aggiunge: “Poco importa se sia finito suicida o in un convento: resta solo la natura oscura ch’egli ha voluto imprimere al suo distacco“.

A Torino, quattro giorni prima della sua scomparsa, muore Primo Levi: Caffè ne rimane sconvolto, ma critica il modo, plateale e straziante, in cui lo scrittore si è tolto la vita. Si può pensare, quindi, che se avesse voluto morire Caffè lo avrebbe fatto in solitudine.

Il Tribunale di Roma, con sentenza del 30 ottobre 1998, ha dichiarato la morte presunta di Federico Caffè.

Parole difficili:

ne: di lui
traccia: segno di vita
indizio: segnale che serve per capire il mistero
svanito: scomparso, non si trova più
Pescarese: nato nella città di Pescara
docente: insegnante, professore
di spicco: molto importante
antifascista storico: che combattuto contro il fascismo in Italia
ricopre i ruoli: svolge i compiti, lavora come
susseguirsi: una serie di eventi
stravolge: sconvolge con dolore, fa soffrire
tata: donna che in una famiglia si occupa dei bambini quando la mamma non può
stroncato: ucciso velocemente
allievi: studenti
gli impone: lo costringe, lo forza (l’infinito è imporre)
la cattedra: la cattedra è questa, ma è sinonimo di insegnamento.
sconforto: tristezza
avere amnesie: non ricordare, dimenticare
arrugginisce: di solito il ferro arrugginisce, ma si dice anche per qualcosa che non funziona più bene
che fine ha fatto?: dov’è? che cosa fa?
si è suicidato: si è ucciso
si è ritirato: è andato a vivere da solo e segretamente
un convento: un monastero
un dubbio: una domanda
allontanarsi: andare lontano
compiere l’estremo gesto: espressione che significa uccidersi
rifugio: una nuova casa segreta
esistenza: vita
egli: lui
imprimere: dare, lasciare un’impressione
distacco: in questo caso morte
ne:dalla morte di Primo Levi
plateale e straziante: teatrale e dolorosissimo
si è tolto la vita: togliersi la vita ovvero uccidersi
presunta: quasi sicura, non certa

1 comment to Lettura facilitata: La misteriosa scomparsa di Federico Caffé

  • ceasre

    secondo me dobbiamo analizare la scomparsa di Federico Caffe non con la razionalità della nostra mente e con i relativi parametri terrestri ma,avendo Lui lasciato sulla scrivania il libro di L.Sciascia:” la scomparsa di E. Majorana ” possiamo dedurre che ha abbandonato il pianeta con l’ausilio di intelligenze superiori vedesi anche Cagliostro.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.