Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Cerchi casa in Italia?

onlyapartments banner

Archivi

Center for Italian Studies


banner italian studies

Una passeggiata al Piazzale Michelangelo: 5 attività di italiano L2/LS

Piazzale Michelangelo

Dal Piazzale Michelangelo a Firenze è possibile osservare il più bel panorama della città. Svolgete le attività seguenti per saperne di più e allo stesso tempo per migliorare la vostra conoscenza dell’italiano.

Attività 1. Scegliete la forma corretta dei verbi: passato remoto, imperfetto e la loro forma passiva.

La costruzione del Piazzale ebbe avvenuta/fu avvenuto/avvenne nel 1869 su disegno dell’architetto Giuseppe Poggi su una collina appena a sud del centro storico. Da quell’anno Firenze era capitale d’Italia e tutta la città aveva impegnata/era impegnata/ebbe impegnata in un rinnovamento urbanistico, il cosiddetto Risanamento: ebbero creatati/ebbero creati/furono creati i lungarni, sulla riva destra, al posto delle mura trecentesche, ebbero apriti/ebbero aperti/furono aperti i viali di circonvallazione alla maniera dei boulevard mentre sulla riva sinistra fu tracciato/ebbe tracciato/tracciavano, il Viale dei Colli, una via panoramica alberata lunga 8 chilometri, al cui culmine realizzò/fu realizzato/realizzava il piazzale, un’ampia terrazza panoramica con vista sulla città.

Attività 2. Scegliete la preposizione corretta.

Il panorama abbraccia il cuore di Firenze, dal/tra/a Forte Belvedere dal/tra/a Santa Croce passando per/per li/per i lungarni e i ponti su/in/di Firenze su/in/di sequenza: si vede il Ponte Vecchio, il Duomo, il Palazzo Vecchio, il Bargello e il campanile ottagonale della Badia Fiorentina oltre le colline dal/tra/a nord della città con in/al/da centro Fiesole e Settignano.

La piazza, dedicata a/al/a il grande artista rinascimentale Michelangelo, presenta le copie in/a/da bronzo di alcune sue famose opere conservate a Firenze: il David e le quattro allegorie che si trovano alle Cappelle Medicee di San Lorenzo. Il monumento fu portato su di/da/a nove paia di buoi il 25 giugno 1873.

Attività 3. Collegate le frasi.

1. Il Poggi disegnò anche la loggia in stile neoclassico che
2. In origine avrebbe dovuto ospitare un museo di opere di Michelangelo,
3. Al Piazzale si può accedere in auto percorrendo l’alberato Viale Michelangelo, realizzato in quegli stessi anni,
4. La cronaca della costruzione del piazzale ci è stata descritta dal giornalista italiano Pietro Coccoluto Ferrigni (detto Yorick)

a. oppure a piedi salendo le scalinate monumentali dette Rampe del Poggi da Piazza Poggi nel quartiere di San Niccolò.
b. domina l’intera terrazza e che oggi ospita un ristorante panoramico.
c. che non manca di riferire come una parte dei fiorentini si dispiacesse “per l’eccessiva spesa” della costruzione.
d. mai realizzato.

1. ___ 2. ___ 3. ___ 4. ___

Attività 4. Il giardino dell’Iris. Rimettete in ordine il testo.

a. Nel giardino sono conservati anche tutti gli esemplari premiati negli anni passati, fin dalla prima premiazione del 1957.

b. Nonostante gli sforzi non si è ancora riusciti ad ottenere la tonalità desiderata. Ogni anno vengono mostrati i nuovi esemplari e vengono premiate alcune caratteristiche come la robustezza, la bellezza e naturalmente il colore.

c. Ogni anno viene organizzato un concorso internazionale di coltivazione di iris, che ha come scopo quello di riuscire ad ottenere un giglio coltivabile che abbia il colore scarlatto di quello rappresentato nello stemma di Firenze.

d. Appartiene alla Società italiana dell’iris, un’associazione per la promozione di questo fiore simile al giglio e al giaggiolo.

e. Il giardino dell’Iris è un’area verde aperta al pubblico solo nel mese di maggio alla quale si accede dal lato est di piazzale Michelangelo a Firenze.

1. ___ 2. _d_ 3. ___ 4. ___ 5. ___

Attività 5. Il giardino delle Rose. Scegliete le parole corrette tra quelle suggerite.

Il giardino delle Rose a Firenze è un parco nella zona di Oltrarno sottostante al piazzale Michelangelo circa/verso ovest, in viale Giuseppe Poggi: è aperto ogni giorno/giorni dell’anno (eccetto Natale e Capodanno) dalle 9 del mattino al tramonto.

Realizzato nel 1865 da Giuseppe Poggi, copre circa/verso un ettaro di terreno terrazzato dal quale si gode una splendida vista della città.

Costruito secondo il modello alla francese ha un ambiente naturale bucolico, ma/invece allo stesso tempo razionalizzato: vi si coltivano molte/molta varietà di rose.

Nel 1998, il giardino se ne/si è arricchito di un’oasi giapponese Shorai donata dall’architetto giapponese Yasuo Kitayama e dalla città gemellata di Kyōto.

Dal settembre 2011 il Giardino ospita/riceve dieci sculture in bronzo e due gessi dell’artista belgia/belga Jean-Michel Folon, grazie alla donazione fatta dalla vedova dell’artista al Comune di Firenze.

Testi tratti e adattati da Wikipedia.

Articoli correlati

– Una canzone sul Piazzale Michelangelo di Lorenzo Baglioni: Firenze da quassù
– Una passeggiata per via Ghibellina, in piazza dei Ciompi e una per via del Proconsolo a Firenze.
– Italiano con la storia dell’arte: l’Ospedale di Santa Maria Nova a Firenze
Il clima di Firenze, 5 attività tra grammatica e comprensione
32 esercizi e comprensioni di italiano con la storia dell’arte

Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze.

All’Accademia del Giglio è possibile frequentare corsi di storia dell’arte, workshop intensivi di tecniche pittoriche classiche, workshop di scultura e corsi di lingua italiana per stranieri a Firenze.

Social networks

Seguiteci anche su FacebookTwitterLinkedInPinterestFoursquareG+ e Instagram.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>