Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Center for Italian Studies


banner italian studies

I cartelli stradali di Clet tra ironia, provocazione e riflessione

Le decorazioni urbane che vedete nelle foto sono opera dell’artista Clet Abraham, pittore e scultore francese che vive a Firenze dal 2005.

clet6

Clet applica degli adesivi ai cartelli della segnaletica stradale che vengono così trasformati in opere d’arte, divertenti e allo stesso tempo provocatorie: vi si può infatti leggere una critica verso le regole e i divieti sociali che, secondo l’artista, tendono a influenzare la vita dei cittadini.

clet1

La scultura dell’Uomo comune è un altro esempio di questa critica: sul Ponte alle Grazie, rivolta al Ponte Vecchio, c’è la scultura di un uomo mentre sta facendo un passo nel vuoto. È evidente l’aspetto comico, ma guardando oltre possiamo leggervi anche una riflessione sulla situazione umana: l’uomo comune che cammina deciso verso il baratro. Le sue opere hanno ovviamente creato scompiglio nell’amministrazione comunale fiorentina e di altre città della Toscana: i vigili urbani rimuovono gli adesivi e gli vengono regolarmente elevate multe.

clet8

Clet – Uomo comune

Per vedere altre opere e per sostenere il lavoro di Clet, vi invitiamo a visitare e a cliccare “Mi piace” sulla sua pagina Facebook o ad andare direttamente al suo studio in via dell’Olmo, 8rosso in zona San Niccolò a Firenze.

clet7

clet3

clet2

clet4

Clet, via dell’Olmo 8r, Firenze

Articoli correlati

Mostra collettiva “Diritti dell’uomo”: call for artists, settembre 2013
Territori instabili/Unstable Territory alla Strozzina dall’11 ottobre 2013
“Estate in India” la rassegna cinematografica al Museo di Storia Naturale di Firenze
“Diafane Passioni” al Museo degli Argenti: avori barocchi dalle corti europee
Invisible Women, l’anteprima del docufilm di Jane Fortune sulle pittrici invisibili
Tutti i post sulla 55a Biennale d’Arte di Venezia 2013 + nuove foto
Collezioni, collezionisti e curatori: una conversazione con Giovanni BlancoFrancesco e Carlo Falciani a lato della mostra Sammeln.

Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>