Edilingua


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Cerchi casa in Italia?

onlyapartments banner

Archivi

Center for Italian Studies


banner italian studies

Directories

    Best blogs ranking

    BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Il significato della Primavera di Botticelli: una comprensione.

La Primavera di Sandro Botticelli è considerato uno dei capolavori del Rinascimento italiano. Chi visita la Galleria degli Uffizi di Firenze rimane affascinato davanti a questo grande dipinto: ma il fascino del quadro è forse legato anche all’aura di mistero che circonda l’opera, il cui significato più profondo non è ancora stato completamente svelato.

Provate a leggere questo testo e a rispondere alle domande.

La Primavera - Sandro Botticelli

La Primavera – Sandro Botticelli

Comprensione. Qual è il significato della Primavera di Botticelli?

L’opera, forse la più nota di Sandro Botticelli, è databile intorn0 al 1482 e diverse fonti hanno confermato che il dipinto venne eseguito per Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici (1463-1503), cugino di secondo grado del Magnifico.

La scena in un boschetto formato da alberi arancio e frutti; sullo sfondo di un cielo azzurro, sono disposti nove personaggi, in una composizione che ruota attorno al personaggio centrale, una donna con drappo rosso. Il suolo è composto da un prato formato da una gran varietà di specie vegetali e di fiori.

La Primavera nasconde vari livelli di lettura: uno strettamente mitologico, la cui spiegazione è ormai unanimamente condivisa; uno filosofico, legato principalmente alla filosofia dell’accademia neoplatonica; uno storico-dinastico, legato alle vicende contemporanee ed alla gratificazione del committente e della sua famiglia. Il senso complessivo dell’opera è ancora piuttosto oscuro e aperto alle più varie interpretazioni.

Secondo l’interpretazione mitologica i personaggi si trovano nel famoso giardino delle Esperidi: il primo da destra è Zefiro, vento di primavera che rapisce per amore la ninfa Clori, mettendola incinta; da questo atto la ninfa rinasce e si trasforma in Flora, ovvero la stessa primavera rappresentata come una donna coperta da un abito fiorito e che sparge a terra dei fiori.

Al centro del quadro si trova Venere, simbolo neoplatonico dell’amore più elevato, che osserva tutta la scena. Sopra di lei vola il figlio Cupido. Alla sua sinistra si trovano le tre Grazie che stanno danzando. Ancora più a sinistra si nota Mercurio, il messaggero degli dèi, raffigurato con le ali ai piedi, che col caduceo scaccia le nubi per conservare un’eterna primavera.

Per quanto riguarda l’interpretazione filosofica, il primo critico a mettere il dipinto direttamente in relazione con la cerchia di filosofici neoplatonici frequentata da Botticelli fu Aby Warburg nel 1893, che lesse la Primavera come la rappresentazione di Venere dopo la nascita, durante l’arrivo nel suo regno. Secondo Ernst Gombrich nella Primavera vi si narrerebbe come l’amore, nei suoi diversi gradi, arrivi a staccare l’uomo dal mondo terreno per volgerlo a quello spirituale: Zefiro e Clori rappresenterebbero la forza dell’amore sensuale e irrazionale, che però è fonte di vita (Flora) e, tramite la mediazione di Venere ed Cupido, si trasforma in qualcosa di più perfetto (le Grazie), per poi spiccare il volo verso le sfere celesti guidato da Mercurio.

Secondo alcune letture dell’opera legate al committente i personaggi mitologici del dipinto sarebbero le rappresentazioni di personaggi fiorentini e delle loro virtù, come in una sfilata di carnevale. Poiché pare che l’opera sia stata inizialmente commissionata a Botticelli da Giuliano de’ Medici in occasione della nascita del figlio Giulio (futuro papa Clemente VII), avuto con Fioretta Gorini che egli avrebbe sposato in gran segreto nel 1478. Ma Giuliano morì nella congiura dei Pazzi ordita contro il fratello in quello stesso anno, un mese prima della nascita del figlio, per cui il quadro incompiuto venne “riciclato” dal cugino Pierfrancesco de’ Medici qualche tempo dopo per celebrare le sue nozze, inserendovi il suo ritratto e quello della moglie Semiramide Appiani, che si diceva essere donna dall’estrema bellezza.

In base ad altri ritratti dipinti da Botticelli, nei vari protagonisti della rappresentazione sono stai individuati vari personaggi di casa Medici: in particolare nelle tre Grazie sono state riconosciute Caterina Sforza (a destra), e Simonetta Vespucci (al centro), la fonte di ispirazione per la Nascita di Venere, che guarda sognante verso Mercurio-Giuliano de’ Medici.

Per la lettura storica, secondo Horst Bredekamp, si dovrebbe considerare il dipinto come allegoria dell’età dell’oro in epoca medicea. La presenza di Flora sarebbe pertanto un’allusione a Florentia e dunque alle antiche origini della città di Firenze. Le altre figure sarebbero città legate in vario modo a Firenze: Mercurio-Milano, Cupido (Amor)-Roma, le Tre Grazie come Pisa, Napoli e Genova, la ninfa Maya come Mantova, Venere come Venezia e Borea come Bolzano.

Altri studi hanno invece ipotizzato che il dipinto sia una sorta di calendario agreste abbreviato della bella stagione: da febbraio (Zefiro) a settembre (Mercurio), nell’augurio di una primavera senza fine.

Domande. Rispondi Vero o Falso alle seguenti domande.

1. Il Magnifico era un parente di Pierfrancesco de’ Medici. Vero/Falso

2. Il boschetto in cui si svolge la scena è stato identificato nel Giardino delle Esperidi. Vero/Falso

3. Il personaggio al centro del quadro è stato identificato come la Primavera. Vero/Falso

4. I personaggi del quadro sono figure mitologiche che per alcuni critici rappresentano anche personaggi reali della Firenze dell’epoca. Vero/Falso

5. Pare che il quadro sia stato dipinto in due momenti diversi. Vero/Falso

6. Giulio de’ Medici è diventato un papa. Vero/Falso

7. Giuliano de’ Medici fu ucciso da suo fratello. Vero/Falso

8. Secondo Bredekamp i personaggi del quadro rappresenterebbero delle città italiane. Vero/Falso

9. Non esiste un’interpretazione filosofica del dipinto sulla quale i critici siano tutti d’acordo. Vero/Falso

10. Il quadro veniva forse usato come un calendario dai contadini. Vero/Falso

Articoli correlati

Conoscete davvero la Stazione di Santa Maria Novella?
L’italiano coi monumenti d’Italia.
L’italiano con la basilica di San Pietro
L’italiano con le torri
L’italiano con i capolavori del rinascimento
Italiano specialistico: esercizio sul lessico dell’arte

Per assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Seguiteci su FacebookTwitterLinkedInPinterest e Foursquare.

 

4 comments to Il significato della Primavera di Botticelli: una comprensione.

  • gilda

    finalmente una bella analisi, non come altre porcherie che ho dovuto leggere prima di trovare quest’articolo.GRAZIE

  • robbi

    X Gilda
    A me una schifezza sembra quella della ninfa Maya. Manca l’interpretazione più coerente, l’unica che mette insieme nove personaggi tratti da una sola opera e ha corrispondenze anche figurative con altri lavori di Botticelli (i disegni per le incisioni di Baccio Baldini a illustrazione della Divina Commedia commentata da Cristoforo Landino): quella dell’Eden dantesco. Gli articoli sono sulla rivista Episteme. Mi affascinano le tre Grazie lette come:
    “…tre donne in giro dalla destra rota / venian danzando…”. Per ogni figura c’è un verso!

  • sandro

    mandarini in primavera?

  • vorrei sapere la mitologia della primavera di Botticelli

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>