Sponsor


banner edilingua

Corsi d’arte a Firenze/Art Courses in Florence

Archivi

Social

Follow Adgblog on Pinterest
Follow Adgblog on Facebook
Follow Adgblog on Twitter
Follow Adgblog on Linkedin
Follow Adgblog on Foursquare
Follow Adgblog on Anobii
Follow Adgblog on Foursquare

Le forme alterate di nomi, aggettivi e avverbi

Leggi il dialogo e osserva le forme alterate.

Carol: Mamma mia,che tempo brutto! Non mi sarei mai aspettata che in Italia piovesse tanto e facesse così freddo!

Lucio: Davvero, che tempaccio!

Carol: Che parola è “tempaccio”?

Lucio: In italiano, quando vogliamo dire che una cosa è brutta o cattiva, usiamo la terminazione “-accio”. “Tempaccio” non è altro che “brutto tempo”.

Carol: Allora è così che funziona nella tua lingua: bisogna aggiungere una terminazione alla parola per cambiarne l’intensità?

Lucio: Già! Per esempio, aggiungiamo –accio per dire brutto; -one per dire grande; -ino per dire piccolo; -etto per dire grazioso; e così via. Questo fenomeno si chiama alterazione.

Carol: Dunque tempaccio, ma anche scatolone per una grande scatola; tavolino per un piccolo tavolo; casetta per una casa carina…

Lucio: E ancora, -uccio per calduccio, il caldo piacevole; -ello per venticello, un vento gentile. Davvero ci sono tantissime terminazioni, per dire grande e piccolo, bello e brutto; per mostrare affetto e simpatia o disprezzo; per fare dell’ironia.

Carol: Povera me! Come posso fare per capirci qualcosa?

Lucio: Prova a leggere il seguente schema:

 

NOMI e AGGETTIVI
VERBI
AVVERBI
-acchione furbo
furbacchione
-acchiare
studiare
studiacchiare
-acchiotto
orso
orsacchiotto
-accio
tempo tempaccio
-accio
male
malaccio
-astro
medico
medicastro
topo
topastro
-ello
vento
venticello
-ellare
saltare
saltellare
-etto
gioco
giochetto
-ettare
fischiare
fischiettare
-etto; -ettino
poco
pochetto
pochettino
-iccio
malato
malaticcio
-icchiare
cantare
canticchiare
-ino
piccolo
piccolino
-ino
poco
pochino
-occio
bello
belloccio
-one
gatto
gattone
cane
cagnone
-one
bene
benone
-uccio
caro
caruccio
-ucchiare
mangiare
mangiucchiare
-uccio
male
maluccio
-ino
piccolo
piccolino
-ino
poco
pochino
Ecc. Ecc. Ecc.


 Carol: O mamma! Cambiano anche i verbi! E gli avverbi!

Lucio: Non male, vero? Pensa che queste sono solo alcune delle alterazioni che si possono fare.
Ti va di conoscerle meglio?
Carol: Vabbè, ma andiamo a parlarne in un bar, al calduccio!

——————————————————

Nome alterato significa l’equivalenza di nome o verbo+ aggettivo qualificativo (finestrina = piccola finestra). Non si deve pertanto credere che nomi come bottone, burattino, tacchino, postino, gallina, cappuccino, ecc. appartengano al gruppo che abbiamo studiato: essi sono falsi alterati.

1) Generalmente si distinguono i suffissi che alterano una parola in quattro categorie:

  • DIMINUTIVI che indicano piccolezza e possono avere la forma in –ino, -ello, -cello, ecc.
  • ACCRESCITIVI che indicano grandezza e possono avere la forma in –one, -acchione, ecc.
  • VEZZEGGIATIVI che indicano affetto e possono avere la forma in –etto, -uccio, -uzzo, ecc.
  • PEGGIORATIVI che indicano disprezzo e possono avere la forma in –accio, -astro, -azzo, ecc.

2) Non dobbiamo però attribuire ai suffissi valori specifici perché spesso la scelta di uno o di un altro dipende dal contesto nel quale la parola è inserita, o dalla stessa parola base.

Per esempio:
È una casa così graziosa, è veramente una casina delle bambole!
Usa ancora la sua vecchia macchinina da scrivere a cui è tanto affezionato.
È ancora un ragazzino!
Mi sono comprata un paio di scarpine nuove.
Per il mio compleanno si è sprecato: mi ha regalato solo una cosina senza importanza.

Passerotto, tigrotto, leprotto, coniglietto, anatroccolo, cagnolino, ecc. sono animali giovani.

Giovanotto ha valore neutro, così come giovinetto.

3) I nomi femminile che vengono alterati con –ino o –one diventano maschili:
donna, donnone;
faccia, faccino, faccione,
ecc.

4) I nomi che terminano in –one e –ona prendono una C prima del suffisso:
cannone, cannoncino,
persona, personcina,
ecc.

5) I suffissi dei verbi riducono l’intensità dell’azione:
mangiucchiare significa mangiare poco o con poca voglia,
canticchiare significa cantare fra sé e sé,
ecc.

Per chiarimenti e assistenza contattate gli insegnanti dell’Accademia del Giglio, lingua italiana, arte e cultura a Firenze: adg.assistance@gmail.com.

Amici su Facebook? E su Twitter ci segui? No? Allora LinkedIn!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>